seconda passeggiata di astroluca

@Astroluca ancora a spasso fra le stelle: tagliati i tubi del vecchio sistema di raffreddamento

Fraccaro a Parigi: «Presto intesa di cooperazione con Francia»


default onloading pic
L’astronauta dell’Esa Luca Parmitano ha compiuto al seconda passeggiata nello spazio (Nasa via Ap)

3' di lettura

@Astroluca - o Luca Skywalker, come lo chiamano a bordo della Stazione spaziale - ancora a spasso fra le stelle. Si è conclusa la seconda passeggiata spaziale di Luca Parmitano e del collega Andrew Morgan per la manutenzione del cacciatore di antimateria Ams-02. L’astronauta dell’Agenzia spaziale europea e il collega della Nasa hanno completato i compiti assegnati «con la precisione di un orologio svizzero», ha detto il capo del Gruppo di esplorazione dell’Esa, Bernardo Patti. Sono stati tagliati i tubi del vecchio impianto di refrigerazione dell'Ams-02. Ora tutto è pronto per installare le nuove pompe, nella prossima passeggiata spaziale.

Astroluca taglia i tubi a vecchio sistema di raffreddamento
Tagliare i tubi del vecchio sistema di raffreddamento è stato il principale obiettivo della passeggiata spaziale. Gli astronauti Luca Parmitano (Esa) e Andrew Morgan (Nasa) hanno condotto una serie di operazioni “demolitive”. Tagliato tutti i vecchi tubi per fare spazio alle nuove pompe di raffreddamento e al nuovo impianto che dovrà alimentarle. Il lavoro dei due astronauti è stato effettuato speditamente, grazie alle lunghe simulazioni condotte a Terra, con l’aiuto della realtà virtuale.

Fraccaro: «Presto intesa di cooperazione con Francia»
Lo spazio? «Rappresenta un settore strategico per l’Italia e la partecipazione ai programmi bilaterali è indispensabile per consolidare il ruolo di primo piano che esercitiamo. Siamo tra i grandi Paesi nello spazio e lo dimostra l’accordo di cooperazione che intendiamo siglare presto con la Francia per rafforzare i legami tra le nostre Agenzie». Lo ha annunciato il sottosegretario alla Presidenza del consiglio con delega allo spazio Riccardo Fraccaro, a margine dell'incontro a Parigi con la ministra francese di Istruzione, ricerca e innovazione Frederique Vidal. Fraccaro ha detto che a febbraio ci sarà un altro bilaterale tra il presidente Emmanuel Macron e il premier Giuseppe Conte per «siglare un accordo proprio sullo spazio». Già l’interministeriale di Siviglia «sarà l’occasione per intraprendere concretamente questa prospettiva di sinergia nello spazio tra Italia e Francia».

Consolidare il posizionamento delle industrie italiane in Europa
«Italia e Francia - ha sottolineato Fraccaro - sono Paesi fondatori dell’Agenzia spaziale europea e tra le massime potenze spaziali del mondo. Coordinare le rispettive strategie ed elaborare programmi comuni contribuirà ad aumentare le capacità competitive a livello globale». Fraccaro ha rammentato che «la cooperazione con la Francia servirà a rafforzare il ruolo di leadership dell’Italia in ambito scientifico e tecnologico, consolidando così il posizionamento delle nostre industrie in Europa».

Valorizzare le competenze dell’Italia
Lo sviluppo economico in ambito spaziale, ha ricordato Fraccaro, «passa attraverso i canali della diplomazia e il nostro obiettivo è quello di valorizzare nelle sedi internazionali le competenze dell’Italia in settori specifici, come l’osservazione della Terra con il programma Copernicus, i moduli pressurizzati e i lanciatori come Vega C che vogliamo far tornare a volare». I vantaggi della cooperazione tra le agenzie spaziali riguarderanno anche lo sviluppo di nuovi servizi e applicazioni con ricadute positive per tutti i cittadini.

Prospettive di crescita compatibili con l’ambiente
Fraccaro, accompagnato dall’ambasciatrice italiana a Parigi Teresa Castaldo, ha incontrato il consigliere per gli Affari strategici del premier Philippe, Stephen Marchisio. Durante il colloquio si è affrontata anzitutto la situazione in Francia e in Italia, l’agenda delle rispettive riforme economiche e alcune questioni europee come i diritti sociali. Fraccaro ha sollevato il tema della sostenibilità, non solo a livello dei modelli di sviluppo nazionale ed europeo ma anche relativamente alla filiera dello spazio che deve darsi prospettive di crescita compatibili con l’ambiente.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...