LE PRESSIONI DI WASHINGTON

L’oro di Caracas a Londra congelato dagli Usa: Deutsche Bank nella saga

di Alessandro Plateroti


default onloading pic
Il presidente venezuelano, Nicolas Maduro (Reuters)

2' di lettura

Nuovo colpo di scena nel misterioso sequestro dell’oro venezuelano in custodia presso la Bank of England: dietro il mancato rimpatrio a Caracas nel settembre scorso di 550 milioni di dollari di lingotti d’oro depositati a Londra, non c’erano infatti «problemi procedurali» come hanno sostenuto finora la banca centrale e lo stesso governo inglese, ma una vera operazione di esproprio internazionale organizzata segretamente dalla Casa Bianca. E non è tutto qui. Tre giorni fa, proprio alla vigilia dell’escalation diplomatica americana contro Maduro, un’altra operazione internazionale sull’oro del Venezuela sembra essere entrata nella lunga lista dei misteri finanziari che circondano la Casa Bianca di Donald Trump.

Fonti finanziarie londinesi hanno rivelato infatti che lo stock di lingotti d’oro del Venezuela in deposito alla Bank of England ha registrato un improvviso aumento di consistenza, passando dalle 14 tonnellate di novembre 2018 alle 31 tonnellate di inizio gennaio 2019. Un raddoppio a dir poco sorprendente, visti i già pessimi rapporti tra Londra e Caracas: affidare la custodia fiduciaria di 17 tonnellate di lingotti d’oro proprio a chi he ne ha già sequestrate altre 14 tonnellate, non sembra davvero una scelta sensata. E infatti, la verità sta rapidamente venendo a galla: a consegnare le 17 tonnellate d’oro del Venezuela alla Bank of England non è stato il regime sudamericano, ma il colosso della finanza tedesca Deutsche Bank che li aveva avuti in pegno quattro anni fa a garanzia di un prestito concesso con un contratto «swap». La chiusura del contratto swap non solo non era prevista, ma ha di fatto messo all’angolo i venezuelani: Caracas è stata costretta a ripagare il prestito alla banca tedesca usando valuta pregiata, il bene più scarso che ha, e nulla ha potuto fare per impedire alla Deutsche di ridepositare i lingotti dove li aveva presi, cioè a Londra. Un doppio colpo durissimo.

Ormai da un decennio, il boicottaggio americano contro il regime comunista ha costretto il Venezuela a vendere quote di oro sovrano in cambio di valuta pregiata, o a usarlo come bene di scambio per acquistare farmaci, beni di consumo e alimentari: Russia, Turchia e Cina sono stati finora i grandi partner di queste operazioni, ma anche le grandi banche europee e persino quelle americane (almeno finchè hanno potuto) hanno finanziato il Venezuela prendendo in pegno i lingotti delle riserve auree.

I sospetti che dietro questi casi ci sia la regia della Casa Bianca girano da mesi, come riportato in un’inchiesta del Sole 24 Ore il 29 novembre 2018. Una conferma arriva ora da Marshall Billingslea, Assistant Secretary for Terrorist Financing del Dipartimento al Tesoro Usa: «All’inizio di ottobre - rivela a sorpresa Billingslea - il Segretario Mnuchin ha incontrato i ministri delle Finanze d’Europa e Giappone, i governatori delle Banche Centrali e i responsabili dell’intelligence, per definire un piano di azione comune contro Maduro: l’obiettivo più importante e immediato è bloccare il commercio dell’oro sovrano venezuelano. Alcuni risultati li abbiamo già avuti in questi giorni...». Non a caso, erano proprio gli stessi giorni in cui Londra aveva deciso di bloccare il rimpatrio dei lingotti a Caracas.

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...