ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùCronaca

’Ndrangheta a Milano: la polizia esegue 49 misure

Nel mirino della Dda lombarda ancora una volta la «Locale di Rho». Tra i reati contestati, associazione mafiosa, traffico di droga, violenze ed estorsione

Cremona: confiscati beni per 4,5 milioni a cosca della 'ndrangheta

1' di lettura

La Polizia di Stato, coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Milano, ha eseguito 49 misure cautelari per associazione a delinquere di stampo mafioso, traffico di sostanze stupefacenti, estorsione, minacce, violenza privata, incendio, detenzione e porto illegale di armi aggravati dal metodo e dalla finalità mafiosa. L’indagine della Squadra mobile ha svelato la ricostituzione di una struttura territoriale di ’ndrangheta, la «Locale di Rho», già oggetto dell’indagine «Infinito» della Dda di Milano nel 2010, da parte del promotore, condannato in via definitiva per associazione mafiosa, una volta scontata la sua pena.

«L’operazione eseguita testimonia che l’agire mafioso della ’ndrangheta in Nord Italia ha assunto da tempo caratteristiche assolutamente sovrapponibili a quelle che ne caratterizzano l’azione nei territori in cui il fenomeno è endemico», ha spiegato il prefetto Francesco Messina, direttore centrale Anticrimine della Polizia di Stato. È contestata anche l’associazione fittizia di beni. «La narrazione, talvolta sostenuta, di una ’ndrangheta evolutasi al punto da abbandonare l’aspetto militare in favore di strategie criminali più sofisticate non è del tutto precisa», ha proseguito Messina.

Loading...

«A Milano la Polizia di Stato e la magistratura continuano ad affrontare la minaccia mafiosa ben consapevoli che il contrasto dell’ala militare della ndrangheta deve continuare ancora a lungo e deve essere affiancato da una sistematica aggressione all’accumulo dei patrimoni illeciti, che ne costituiscono la linfa vitale. Peraltro, gli esiti investigativi odierni attestano ancora una volta come sovente la detenzione carceraria non riesca a recidere il legame tra affiliato e struttura mafiosa di appartenenza».

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti