PETROLCHIMICO

A Priolo grillini meglio della Dc «Poche opportunità di sviluppo»

di Nino Amadore


default onloading pic

2' di lettura

Nel triangolo industriale di Siracusa, nell’area in cui si trova il più grande polo energetico del Paese, tra Priolo, Melilli e Augusta i 5 Stelle hanno fatto il botto.

In fondo una sorpresa a metà, visto che i grillini già amministravano Augusta, ma pur sempre un dato rilevante: Paolo Ficara, il candidato 5 Stelle, nel collegio si è fermato, si fa per dire, al 57,9% con una quarantina di punti percentuali in più rispetto al candidato del Pd. Nel cuore industriale di questa provincia del disagio (la disoccupazione da queste parti è al 24%) nonostante le potenzialità e le ricchezze, i 5 Stelle sono andati ancora meglio: a Priolo, per dire, il candidato è arrivato al 71,73%, a Melilli al 64,46. Roba che nemmeno la Dc dei tempi d’oro. Il triangolo industriale intanto è cambiato: secondo stime dei 12mila addetti degli anni migliori nell’area del petrolchimico restano appena tremila dipendenti mentre la disoccupazione giovanile è arrivata al 48 per cento. Anzi è proprio da questo polo che è arrivato uno scatto per l’export siciliano. Spiega Banca d’Italia: «Secondo i dati dell’Istat, nella prima metà del 2017 le esportazioni sono cresciute a prezzi correnti del 30,3%, interrompendo quattro anni consecutivi di calo. L’export è stato trainato dal valore delle vendite di prodotti petroliferi, che hanno beneficiato soprattutto di prezzi medi di vendita più elevati; le quantità esportate sono cresciute solo moderatamente».

«Il punto - spiega Diego Bivona, presidente di Confindustria Siracusa – non è quello della deindustrializzazione perché le grandi aziende sono qui e continuano a investire. La riduzione degli addetti può essere ascritta a interventi di efficientamento e di automazione necessari. La questione, semmai, è un’altra: non sono state colte le opportunità che si sono presentate. Potevano essere avviate altre attività (il rigassificatore è solo un esempio) che avrebbero potuto compensare il calo degli addetti e non è stato fatto». E quindi? Per Bivona non ci sono dubbi: «La situazione dalle nostre parti è drammatica: il reddito procapite che era piuttosto elevato qualche anno fa è crollato. Si registra una mancanza di strategie , di politiche e di scelte ed è a questo punto ovvio che i cittadini decidano di fare scelte come quelle che sono state fatte in queste elezioni».

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti