carriere

2017, ecco i lavori più cercati nel tech e digitale

di Alberto Magnani

(© McPHOTO)

3' di lettura

Forse sono ancora pochi i neolaureati a prevedere un futuro da “network security engineer”, lo specialista che vigila su sicurezza e funzionamento dei network informatici. Peccato: nel 2017, la sua retribuzione potrebbe spingersi fino a un picco di 162.500 dollari. Una delle vette più alte raggiunte nel comunque florido mercato delle professioni It, dove risorse come gli “scienziati dei dati” (data scientist) e gli sviluppatori incassano incrementi di stipendio di oltre il 5% annuo. La fotografia emerge dal Technology e It Salary Guide, uno studio sui trend salariali del settore pubblicato annualmente dall'agenzia di risorse umane Robert Half Technology. Nel suo complesso, l'intero segmento It può aspettarsi una crescita del 3,8% delle retribuzioni di ingresso nel paniere di 75 carriere tecnologiche analizzate dal report. Ma quali sono i profili che esploderanno nel 2017? E quali lo sono carriere più in crescita nella sola Italia?

Tra i settori è boom della sicurezza. Ma i più pagati sono ancora i data scientist
Se si guarda ai segmenti, la “corsa al rialzo” delle retribuzioni è dominata dalle professioni della cyber-sicurezza: stipendi in crescita del 5,2% nel nuovo anno, contro il 4,9% del web development, il 4,5% del software development, il 4% dell'amministrazione dati e il 3,8% di networking e telecomunicazioni. Al di là degli steccati di categoria, però, sono ancora le carriere nei Big Data a dominare la scena (e le offerte più pagate) che emergono dalla ricerca. Il Big Data engineer, “l'ingegnere dei grandi dati”, spicca come carriera più retribuita con una forbice di 135mila-196mila dollari l'anno (+5,8% rispetto all'anno precedente).

Loading...

Una media da top manager che non si distanzia troppo da quella registrata dai database developers (gli sviluppatori di database: 108mila-161.500 dollari, +5,1%) e in particolare dei data scientist, qualificati dalla rivista Usa Business Review come la «professione più sexy del XXI secolo»: 116mila-163mila euro, con un boom di +6,4% rispetto ai livelli dell'anno precedente.  Fuori dal settore, si fanno notare il data security analyst per il settore sicurezza (picchi di 169mila dollari, +5%) e il software engineer nel ramo del software development (164.500, +5,2%), contro i più “modesti” standard raggiunti nell'ambito del networking (dove un network engineer può volare fino a 142.500 dollari) e nel web development (i front-end developer, sviluppatori specializzati, arrivano anche a 119.500 dollari l'anno).

LA CRESCITA DEGLI STIPENDI NEI SETTORI

Per il 2017 si aspetta un incremento medio del 3,8% nelle retribuzioni. Il record della security: 5,2% (Fonte: Robert Half Technology)

Loading...

In Italia si cercano analisti programmatori. Caccia anche ai dati scientist (ma sono pagati un terzo)
Fin qui i dati degli States. I trend si rispecchiano nel mercato italiano, anche se con qualche variazione e senza i numeri stellari annunciati nell'indagine Robert Half. In un'analisi svolta per il Sole 24 Ore, la piattaforma di ricerca lavoro Face4Jobs ha rilevato che quattro dei cinque lavori più richiesti nelle primissime battute del 2017 appartengono al settore digitale e tecnologico: analista programmatore, software developer, web developer (specializzato in Java) e la più generica categoria dei neolaureati in ingegneria con indirizzi settoriali come automotive, aerospaziale e It, meglio se reduci da una tesi sperimentale e uno stage di almeno sei mesi in un'azienda esterna all'università. L'unica eccezione della “top 5” sono i laureati in diritto ed economia per il settore bancario-assicurativo, indirizzati soprattutto a settori delicati come recupero credito e smaltimento delle sofferenze bancarie.

Le differenze più nette, però, emergono sugli stipendi. Il gap tra livelli retributivi garantiti in Italia e all'estero si fa evidente nel caso del data scientist, l'analista di dati che monopolizza le varie indagini sul mercato del lavoro internazionale come una delle figure più appetibili sul medio-lungo termine. Secondo EasyHunters, una startup italiana del settore delle risorse umane, un professionista del settore con 3 o 4 anni di esperienza può guadagnare «anche 50mila euro all'anno». A parità di condizioni e anni di esperienza, un data scientist assunto negli Usa ne riceve circa 100mila in più. Non va meglio se si prendono in considerazione anche i ruoli più “tradizionali” del settore tecnico-informatico. Secondo dati della società di ricerca JobPricing, un network engineer italiano può ambire a una media di 36.036 euro lordi l'anno contro l'equivalente di 156mila euro per un nework security engineer americani, mentre uno sviluppatore software di esperienza senior può oscillare tra i poco più di 30mila euro lordi l'anno offerti nella Penisola ai picchi di 89mila-148mila euro delle migliori posizioni internazionali.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti