Speciali in evidenza
Speciale Smau
Speciale ambiente
Speciale scuola
Speciale Auto
Un anno di rincari
Speciale mutui
Voli low cost
Speciale ETF
Studi di settore
Risparmio energetico
Auto & fisco
Navigatori GPS
Musica Mp3
Guida alle facoltà
Come risparmiare
XV Legislatura
shopping 24

Servizi

Il Sole Mobile

Servizi Ricerca

Attualità ed Esteri

ARCHIVIO »

12 novembre 2005

Rambouillet 30 anni
dopo: come l'Italia
entrò nei «Grandi»

di Piero Fornara

Il 15 novembre 1975, quando i capi di Stato e di governo dei sei maggiori Paesi occidentali (Francia, Germania Ovest, Gran Bretagna, Stati Uniti, Giappone e Italia) si ritrovarono insieme nel romantico castello di Rambouillet, a cinquanta chilometri da Parigi, forse nessuno immaginava che da quei tre giorni di incontri sarebbe nato l'esclusivo club delle grandi potenze: all'inizio «G6», diventato «G7» con l'ammissione del Canada e infine «G8» con la Russia (nel 2006 il summit sarà ospitato per la prima volta a San Pietroburgo), senza contare il presidente Ue come nono invitato.


All'epoca lo scenario era quello della crisi petrolifera, seguita alla guerra del Kippur nell'ottobre 1973, con la quadruplicazione dei prezzi del greggio in tre mesi. L'economia ristagnava o regrediva, mentre l'inflazione era galoppante («stagflazione» recitava il neologismo). Di fronte a questi eventi l'Occidente si trovò impreparato: nell'estate 1975 il presidente francese Valéry Giscard d'Estaing propose quindi una riunione dei leader delle maggiori potenze per decidere cosa fare.

Il modello prefigurato da Giscard, d'intesa con il cancelliere tedesco Helmut Schmidt, era quello del «Library Group» (cui entrambi avevano preso parte), cioè gli incontri riservati tra i ministri delle Finanze di Francia, Germania Ovest, Gran Bretagna, Giappone e Stati Uniti nella biblioteca della Casa Bianca, ai quali solo sporadicamente partecipava anche quello italiano. Da Washington si fece capire che la nostra esclusione avrebbe inferto un duro colpo alla credibilità del nostro Governo. Ma fu proprio la Farnesina che seppe muoversi con prontezza e intelligenza: il presidente del Consiglio Aldo Moro e il ministro degli Esteri Mariano Rumor preferirono non sollecitare un invito all'Eliseo (si rischiava il rifiuto), ma autorizzarono una missione del segretario generale della Farnesina Raimondo Manzini che, muovendosi secondo i canoni della diplomazia tradizionale basata sui contatti personali a Parigi, Londra, Bonn e Washington, riuscì a tessere la tela e a raggiungere l'obiettivo. Quando fu annunciato il vertice di Rambouillet, l'ammissione dell'Italia fu una sorpresa per più di una cancelleria europea e destò il disappunto degli aspiranti esclusi. In verità bisogna comunque aggiungere che, per alcuni anni, il summit dei capi di Stato e di governo continuò a essere preceduto da un G-5 dei ministri finanziari (senza Italia e Canada). Anzi, accadde perfino che una di queste riunioni (Portorico 1976) servisse a discutere su come reagire di fronte all'eventuale ingresso dei comunisti nel Governo italiano.

Martedì 15 novembre alle ore 18 l'Istituto per gli studi di politica internazionale di Milano (via Clerici, 5), in occasione del 30° anniversario del vertice di Rambouillet, ospita una tavola rotonda sulle grandi potenze nell'economia globale alla quale interverranno Boris Biancheri, presidente Ispi, Alberto Martinelli, ordinario di scienza della politica dell'università statale di Milano e Fabrizio Onida, ordinario di economia internazionale alla Bocconi. Per l'ambasciatore Biancheri, che faceva parte dello staff di Manzini come capo della sua segreteria, l’ingresso dell’Italia nel club dei Grandi – come ha anticipato al «Sole 24 Ore online» –- «è un episodio singolare della nostra politica estera: con l'eccezione di qualche storico e, in particolare, di L. V. Ferraris che lo ha incluso argutamente tra gli esempi dell'arte del fai da te, è stato spesso e, a torto, sottovalutato. E tuttavia è significativo per il tempo e il modo in cui fu raggiunto: si trattò, infatti, di un caso in cui il risultato fu ottenuto non attraverso una manifestazione di forza, ma di debolezza, confermando il giudizio che 40 anni prima aveva dato Harold Nicholson (intellettuale e politico britannico della prima metà del secolo scorso, ndr) e cioè che, a differenza della Germania che basa la sua diplomazia sulla forza, l’Italia in politica estera basa la sua forza sulla diplomazia».

L'importanza di questo successo, scrive Enrico Serra («Professione: ambasciatore d'Italia», volume secondo, Franco Angeli editore, 2001), fu scoperta dalla stampa e dall'opinione pubblica con anni di ritardo, tanto che nel 1992 Bettino Craxi cercò di arrogarsene il merito con una lettera al «Corriere della Sera». In una rettifica sullo stesso giornale, l'ambasciatore Manzini ribadì invece che «il nostro Paese fu presente al primo vertice G-6 del 1975, otto anni prima del suo insediamento a Palazzo Chigi ».

WEB GUIDE
Delegazioni ufficiali al G6 di Rambouillet
Dichiarazione di Rambouillet (17 novembre 1975)
Cronologia dei vertici dei «Grandi» dal 1975 al 2005
Verso il summit 2006 di San Pietroburgo
G8 Information Centre» dell'università di Toronto
Istituto per gli studi di politica internazionale di Milano (Ispi)


 

Suggerimenti

>Info quotazioni

A richiesta, via sms, la quotazione istantanea e in tempo reale del titolo che ti interessa

>Flash news

Scarica il programma gratuito, e ricevi sul tuo desktop le ultimissime notizie di economia e finanza

News

champions

L'Inter (2-1a Mosca) brava e fortunata: ribalta il risultato e vince

auto

Rimandato il lancio della «Panda cinese» per la causa con la Fiat

expo 2015

Luci sui progetti che fanno bella Milano: l'omaggio agli ospiti di Expo 2015

anniversari

Novant'anni fa la battaglia di Caporetto, madre di tutte le batoste

computer

Asus: così il notebook diventa ultraleggero

prospettive

Il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca (Stefano Capra / Imagoeconomica)

Turismo a Roma, invia le tue domande per il forum di mercoledì

GIAPPONE

La palazzina del Progetto Sofie sottoposta all'esperimento anti-sismico

Terremoto del settimo grado della scala Richter, ma la casa in legno fatta nel Trentino resiste

iniziative

L'appello di Nòva24: il Governo rilancia sul 5 per mille

CASA24

Comprare casa senza agenzia
I consigli per risparmiare nell'acquisto della casa trattando direttamente tra privati

viaggi24

Singapore. Dove tutto è possibile
Viaggio in una delle capitali mondiali dello shopping e del commercio.

In Evidenza

CRIBIS.it
Informazioni per decidere con chi fare o non fare business, in Italia e nel mondo.

Concorsi ed esami
Visita la sezione concorsi ed esami, troverai un'aggiornata rassegna di concorsi e offerte di lavoro nel pubblico impiego

5° Annual Economia & Finanza
Nel tradizionale appuntamento organizzato dal Sole 24 ORE, alcuni dei maggiori esperti affronteranno il tema: MiFID, Compliance e Competitività. Milano, 18 ottobre - Per iscrizioni, cliccare qui .

Il Sole 24 Ore FINANZA
Scopri l'offerta professionale di prodotti e servizi per chi opera sui mercati.

Scarica il gadget del Sole 24 ORE per Windows Vista
Il Sole 24 ORE porta sul tuo desktop le news di economia e attualità e l'andamento della Borsa.

Pubblicità