Speciali in evidenza
Speciale Smau
Speciale ambiente
Speciale scuola
Speciale Auto
Un anno di rincari
Speciale mutui
Voli low cost
Speciale ETF
Studi di settore
Risparmio energetico
Auto & fisco
Navigatori GPS
Musica Mp3
Guida alle facoltà
Come risparmiare
XV Legislatura
shopping 24

Servizi

Il Sole Mobile

Servizi Ricerca

Attualità ed Esteri

ARCHIVIO »

2 ottobre 2006

Presidenziali in Bosnia: certa la vittoria di due moderati

Secondo i primi risultati parziali delle elezioni politiche svoltesi ieri in Bosnia, Haris Silajdjic e Nebojsa Radmanovic, considerati moderati, hanno vinto le elezioni per l’esponente musulmano e serbo della presidenza tripartita della Bosnia Erzegovina, ma incerto resta il risultato delle votazioni per il membro croato dell’organo collegiale.
Il testa a testa tra il socialdemocratico Zeljko Komsic (Sdp, multietnico) e il nazionalista Ivo Miro Jovic (Hdz) sarà deciso dagli elettori del cantone di Sarajevo e di Tuzla, zone per le quali lo spoglio delle schede è ancora in corso e in cui è prevedibile un maggior numero di voti al candidato dell'Sdp.
Komsic, ha dichiarato Jovic citato dalla stampa bosniaca, «non può e non sarà membro della presidenza», perché, ha detto, la sua eventuale elezione sarà legale ma non legittima perché avrà vinto con i voti non dei croati, ma degli elettori musulmani dell'Sdp.
I bosniaci si sono recati in massa alle urne per eleggere i propri rappresentanti che, a undici anni dalla fine della guerra (1992-95), dovranno assumere la piena responsabilità del futuro del Paese, che nel giugno del 2007 non sarà più un protettorato internazionale.

«Questo Paese ha bisogno di politici disposti a prendere gravi decisioni», ha detto l'attuale Alto rappresentante della comunità internazionale, il tedesco Christian Schwarz-Schilling, in vista della chiusura del suo ufficio prevista per l'anno prossimo, che, trasformandosi in rappresentante solo dell'Unione europea, manterrà un ruolo di consigliere ma perderà i poteri da governatore che ha oggi, come quello di imporre leggi e rimuovere funzionari pubblici.

Anche l'Eufor, la forza militare dell'Unione europea, avvierà dall'anno prossimo il ritiro di una buona parte degli attuali 6.000 soldati, mentre alcuni Paesi, come la Germania, hanno già annunciato il ritiro dei propri contingenti militari.

Dalla fine del conflitto civile, che ha provocato almeno 110.000 morti, la Bosnia, con l'aiuto della comunità internazionale, ha fatto importanti progressi nella ricostruzione e nell'integrazione del Paese, diviso in due entità dall'accordo di Pace di Dayton, la Federazione Bh (a maggioranza croato-musulmana) e la Republika Srpska (Rs, a maggioranza serba). Negli ultimi anni sono state rafforzate le istituzioni comuni di Sarajevo, trasformati i tre eserciti, un tempo belligeranti, in un'unica forza armata professionale, costituiti a livello dello Stato la polizia di frontiera, il sistema doganale, quello della tassazione indiretta, un tribunale statale.

Le divisioni etniche, però, sono tornate con grande forza sulla scena durante la campagna elettorale, incominciata di fatto già in primavera, quando sono state fermate le riforme richieste da Bruxelles. E col passare dei mesi le contrapposizioni hanno acquisito toni sempre più accesi. La retorica dei maggiori partiti nazionalisti serbi, croati e musulmani ha alimentato i sentimenti nazionalistici delle tre comunità, riducendo a puri slogan il trattamento dei problemi come la disoccupazione, la lotta alla povertà o alla corruzione, la riduzione delle spese per la complicata ed enorme amministrazione pubblica.

I diplomatici occidentali insistono anche sulla riforma costituzionale, concordata dalle forze politiche ma poi bocciata in parlamento lo scorso aprile, che prevedeva la sostituzione della presidenza tripartita con un presidente e un notevole rafforzamento dei poteri del parlamento e del governo centrale.



 

Suggerimenti

>Info quotazioni

A richiesta, via sms, la quotazione istantanea e in tempo reale del titolo che ti interessa

>Flash news

Scarica il programma gratuito, e ricevi sul tuo desktop le ultimissime notizie di economia e finanza

News

champions

L'Inter (2-1a Mosca) brava e fortunata: ribalta il risultato e vince

auto

Rimandato il lancio della «Panda cinese» per la causa con la Fiat

expo 2015

Luci sui progetti che fanno bella Milano: l'omaggio agli ospiti di Expo 2015

anniversari

Novant'anni fa la battaglia di Caporetto, madre di tutte le batoste

computer

Asus: così il notebook diventa ultraleggero

prospettive

Il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca (Stefano Capra / Imagoeconomica)

Turismo a Roma, invia le tue domande per il forum di mercoledì

GIAPPONE

La palazzina del Progetto Sofie sottoposta all'esperimento anti-sismico

Terremoto del settimo grado della scala Richter, ma la casa in legno fatta nel Trentino resiste

iniziative

L'appello di Nòva24: il Governo rilancia sul 5 per mille

CASA24

Comprare casa senza agenzia
I consigli per risparmiare nell'acquisto della casa trattando direttamente tra privati

viaggi24

Singapore. Dove tutto è possibile
Viaggio in una delle capitali mondiali dello shopping e del commercio.

In Evidenza

CRIBIS.it
Informazioni per decidere con chi fare o non fare business, in Italia e nel mondo.

Concorsi ed esami
Visita la sezione concorsi ed esami, troverai un'aggiornata rassegna di concorsi e offerte di lavoro nel pubblico impiego

5° Annual Economia & Finanza
Nel tradizionale appuntamento organizzato dal Sole 24 ORE, alcuni dei maggiori esperti affronteranno il tema: MiFID, Compliance e Competitività. Milano, 18 ottobre - Per iscrizioni, cliccare qui .

Il Sole 24 Ore FINANZA
Scopri l'offerta professionale di prodotti e servizi per chi opera sui mercati.

Scarica il gadget del Sole 24 ORE per Windows Vista
Il Sole 24 ORE porta sul tuo desktop le news di economia e attualità e l'andamento della Borsa.

Pubblicità