ILSOLE24ORE.COM > Notizie Economia e Lavoro ARCHIVIO

Decreto flussi, la procedura e il calendario

di Francesca Padula

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
11 dicembre 2007

La pubblicazione del decreto flussi 2007 avvenuta sulla «Gazzetta Ufficiale» del 30 novembre è il passo decisivo che ha inaugurato la procedura online per l'assunzione di 170mila lavoratori extracomunitari. Serve il computer ai datori di lavoro; meglio avere calendario e orologio a portata di mano, perché la graduatoria dei posti (65mila per colf e badanti) premierà i più veloci a inviare la richiesta.
Oltre al battesimo telematico voluto per scongiurare nuove code davanti alle Poste, il Dpcm contiene un'altra novità: la partenza scaglionata in tre date successive (sabato 15, martedì 18 e venerdì 21 dicembre) contro il pericolo di "resse" informatiche.

Chi deve inviare la domanda? I datori di lavoro – e non gli immigrati – che per la legge Bossi-Fini devono fare la proposta di contratto di soggiorno all'extracomunitario residente all'estero. Si tratta di un requisito non sempre rispettato perché il decreto flussi viene spesso usato per regolarizzare la posizione di lavoratori extracomunitari già in Italia.

Il software del ministero va installato sul computer da cui sarà inviata la domanda..Questo vale per coloro che scelgono la soluzione fai-da-te, mentre a chi non ha dimestichezza con la telematica resta la strada delle associazioni e dei patronati che hanno iniziato a raccogliere le domande in ordine di arrivo e le invieranno online (l'assistenza dovrebbe essere gratuita).
I modelli di assunzione sono disponibili sul sito del ministero e nella tabella a fondo pagina. Ecco il passo successivo: la registrazione su www.interno.it darà la possibilità di iniziare a pre-compilare il modello di assunzione.

Per evitare "doppioni", il Viminale raccomanda che le istanze di assunzione per lavoratori di Paesi con quote riservate devono essere presentate «indipendentemente dalla tipologia di lavoro» il primo giorno utile. Un esempio: chi aspira ad assumere una badante di nazionalità filippina deve utilizzare il primo giorno di invio senza aspettare il 18, data dalla quale scatteranno le domande per il settore del lavoro domestico e di assistenza alla persona..

IL CALENDARIO DELL'INVIO
15 dicembre
Paesi con quote riservate
La prima finestra di invio è riservata ai lavoratori provenienti dai Paesi indicati all'articolo 2 del Dpcm. Partenza quindi alle ore 8.00 («del quindicesimo giorno successivo alla data di pubblicazione del presente decreto sulla «Gazzetta Ufficiale» della Repubblica italiana) per i cittadini di Paesi che hanno sottoscritto accordi di cooperazione (in totale 47.100 con un aumento della quota di egiziani, moldavi e filippini). Per evitare "doppioni", il Viminale precisa che se le istanze di assunzione sono relative a lavoratori di Paesi con quote riservate, le domande di assunzione devono essere presentate «indipendentemente dalla tipologia di lavoro» il primo giorno utile per l'invio

18 dicembre
Una data per colf e badanti
Dalle ore 8.00 del diciottesimo giorno successivo alla data di pubblicazione del decreto flussi scattano le domande per il settore del lavoro domestico e di assistenza alla persona a cui il provvedimento riserva ben 65mila posti di lavoro presso le famiglie italiane.

21 dicembre
Altri settori
L'ultimo scaglione riguarda le domande di lavoratori extracomunitari residenti all'estero che non provengono dai Paesi che hanno con l'Italia accordi di cooperazione (quote riservate) nè rientrano nella categoria degli assistenti familiari. Anche per questi l'invio deve iniziare alle 8.00

I MODULI MINISTERIALI
Modulo A : Richiesta nominativa e numerica di nulla osta al lavoro domestico
Modulo B : Art. 22 – Lavoro subordinato
Modulo VA : Art. 22 – Conversione del permesso di soggiorno mediante verifica della sussistenza di una quota per lavoro subordinato
Modulo VB : Conversione del permesso di soggiorno da stagionale a lavoro subordinato
Modulo V2 : Art. 6 – Richiesta di convocazione per la stipula del contratto di soggiorno
Modulo Z - Conversione del permesso di soggiorno da studio a lavoro autonomo mediante verifica della sussistenza di una quota per lavoro autonomo
Modulo Z2 - Domanda di verifica della sussistenza di una quota per lavoro autonomo e di certificazione attestante il possesso di requisiti per lavoro autonomo, per stranieri che hanno raggiunto la maggior età o che hanno conseguito diploma di laurea, o di laurea specialistica, in Italia
RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio
L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER   
Effettua il login o avvia la registrazione.


 
   
 
 
 

-UltimiSezione-

-
-
6 maggio 2010
6 maggio 2010
6 maggio 2010
6 aprile 2010
6 maggio 2010
 
 
 
Cerca quotazione - Tempo Reale  
- Listino personale
- Portfolio
- Euribor
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-