ILSOLE24ORE.COM > Notizie Economia e Lavoro ARCHIVIO

Il Cipe concede 640 milioni a Roma e Catania

di Alessandro Arona e Massimo Frontera

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
1 Ottobre 2008

Il Cipe concede una boccata d'ossigeno ai bilanci dei Comuni di Catania e Roma, indispensabile nel primo caso per evitare la bancarotta e nel secondo per supportare il piano di rientro del debito presentato dal sindaco Gianni Alemanno.
Il Governo ha assegnato un contributo a fondo perduto di 140 milioni di euro per il capoluogo etneo e 500 milioni per la Capitale. Le risorse attingono dal Fas, il fondo statale per le aree svantaggiate (ridotto dal Dl 112/2008 da 64 a 57 miliardi) di cui l'85% al Sud. La manovra estiva ha deciso una riprogrammazione di 15 miliardi, ma la delibera di ieri non va a toccare questa quota, bensì le «riserve di programmazione». Il Cipe ha assegnato formalmente i fondi a lunghi elenchi di piccole opere pubbliche, ma di fatto le risorse serviranno nell'immediato a coprire fabbisogni di cassa più urgenti dei due Comuni.
Era stato lo stesso sindaco di Catania, Raffaele Stancanelli (Pdl) a chiedere nei giorni scorsi a Berlusconi «un'anticipazione sui trasferimenti» per garantire i pagamenti ai fornitori e gli stipendi ai dipendenti. Anche per Roma, che ha già avuto 500 milioni come anticipazione ai trasferimenti, i fondi sono un tassello del piano di rientro del debito del sindaco Alemanno (Pdl) e servono per esigenze di cassa a breve termine, salvo poi spostare introiti futuri alle opere indicate nella delibera.

Contro questa decisione si è schierato il sindaco di Sesto San Giovanni, Giorgio Oldrini che in una nota chiede al Governo che aiuti finanziari siano assegnati anche ai Comuni con bilanci sani.
Il Cipe ha poi confermato i vincoli espropriativi sulle aree interessate dal Ponte sullo Stretto di Messina, un passaggio tecnico che però per il ministro delle Infrastrutture Altero Matteoli «è un ulteriore tassello della riattivazione dell'opera».
«Entro la fine dell'anno – spiega Pietro Ciucci, presidente della Stretto di Messina Spa – puntiamo a rivedere insieme al Governo il piano finanziario. I costi dei lavori sono saliti molto dal 2003, da 4,1 miliardi ai 5,5 attuali, ma le ampie riserve che avevamo previsto ci consentono di confermare i 6,1 miliardi totali (compresi oneri finanziari). L'obiettivo è realizzare la progettazione definitiva nel 2009 e avviare i lavori nel 2010. Certo il Governo deve garantire, per allora ma se possibile prima, i 2,2 miliardi della quota pubblica».
Per quanto riguarda il piano casa, l'esame del Cipe si è esaurito con un rapido passaggio formale, nel quale il Comitato «ha preso atto favorevolmente di una prima informativa del ministero delle Infrastrutture, riservandosi una valutazione più approfondita in sede di esame del piano complessivo». L'informativa si è concentrata pressoché esclusivamente sull'assegnazione di una prima tranche di 150 milioni destinati al cosiddetto sistema dei fondi immobiliari.
La bozza di Dpcm prevede infatti un fondo nazionale, partecipato dalla cassa depositi e prestiti, a sostegno di vari strumenti finanziari a livello locale, promossi soprattutto dalle Fondazioni bancarie. L'agenda del piano casa prevede il confronto con Regioni e Comuni. «La prossima settimana chiederemo la convocazione della Conferenza unificata», ha confermato il sottosegretario alle Infrastrutture, Mario Mantovani.

RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio
L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER   
Effettua il login o avvia la registrazione.


 
   
 
 
 

-UltimiSezione-

-
-
6 maggio 2010
6 maggio 2010
6 maggio 2010
6 aprile 2010
6 maggio 2010
 
 
 
Cerca quotazione - Tempo Reale  
- Listino personale
- Portfolio
- Euribor
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-