ILSOLE24ORE.COM > Notizie Economia e Lavoro ARCHIVIO

A Natale va di moda la minivacanza

di Laura Dominici

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
21 Dicembre 2008

Dalla minivacanza verso destinazioni vicine, al viaggio di lusso. Il mercato delle ferie natalizie vede allargarsi la forbice, ma regge nonostante i venti di crisi. Secondo Confesercenti saranno 15 milioni gli italiani in viaggio per le festività natalizie, due in più rispetto al 2007 e spenderanno circa 9 miliardi di euro, in calo rispetto all'anno scorso. «Si afferma un nuovo stile low-cost che spinge a ottimizzare il tempo e il denaro nel segno della microvacanza, che trova i suoi punti di forza nella sinergia tra enogastronomia, cultura e ambiente», sottolineano alla Coldiretti. Fra Natale e l'Epifania, anche grazie alle favorevoli previsioni meteo e ai prezzi molto bassi, il 7% degli italiani in vacanza soggiornerà negli agriturismi, pari a oltre un milione di pernottamenti.
A pieni giri le vacanze dei single: SpeedVacanze.it, tour operator specializzato, ha registrato a fine anno un netto aumento delle prenotazioni (+28%). L'associazione Adoc conferma una crescita dell'interesse per il poli wellness con un aumento della domanda del 10,2 per cento.
Gli operatori dichiarano che, al tempo stesso, resiste bene il segmento della vacanza di lusso, con una spesa indicativa di almeno 3mila euro a settimana per viaggi in mete esotiche. Tra quelle più gettonate per Natale e fine anno figurano i Caraibi, Malta, la Giordania, Dubai e, novità più recente, la Libia. «Le prenotazioni per le festività risultano leggermente in ritardo, eccetto che per il prodotto di alto livello», dice Alessandro Biasi, direttore marketing di Hotelplan, che ha registrato il tutto esaurito per il Capodanno alle Maldive e buoni risultati negli Stati Uniti. «La capacità di spesa delle famiglie è diminuita – commenta Massimo Zanon, direttore commerciale I Grandi Viaggi – ma gli italiani non rinunciano alla vacanza e il segmento di lusso vola». Per il direttore commerciale di Settemari, Guido Ostana, «a reggere bene tra le famiglie ci sono anche le destinazioni a medio raggio, in particolare Mar Rosso e Tunisia, spinte dai prezzi competitivi».
Assotravel rileva un calo del 4% per i pacchetti di viaggio, ma per Capodanno è tutto sold out e va molto bene il mercato di chi è disposto a spendere, per questa partenza speciale, anche il 20-30% in più della media. Molto bene le crociere. La montagna non sembra risentire dell'allarme valanghe.
Matteo Marzotto, presidente Enit, rassicura: «Non parlerei di declino, ci prepariamo a un 2009 difficile, ma l'inizio della stagione invernale è incoraggiante. L'Italia resta una destinazione importante». Nel 2008 sono mancati gli americani (per il dollaro debole), ma segnali positivi arrivano da Germania, Cina e in particolare India (+15-20% nel 2009). Marzotto auspica dunque «un abbassamento dell'Iva, in linea con le aliquote dei concorrenti europei». Il presidente di Federterme-Confindustria, Costanzo Jannotti Pecci, sollecita «un recupero di competitività con interventi concreti a basso impatto sulla finanza pubblica».
Intanto enti locali e operatori del settore mettono in campo le contromosse per rilanciare il business in ambito territoriale. Venezia ha iniziato a promuovere via internet (www.veneziasi.it) dei pacchetti comprensivi di hotel, transfer dall'aeroporto, visite a palazzi e musei con possibilità di acquisto direttamente online. Il Comune di Roma scommette sul nuovo sito online (www.turismoroma.it) per la città. La stampa estera ha tra l'altro collocato Roma e il Lazio in cima alla classifica delle destinazioni italiane a maggior connotazione low-cost.
Resta il problema delle risorse. Le amministrazioni di Roma, Venezia e Firenze stanno poi valutando la possibilità di consentire una redistribuzione ai Comuni di parte dell'Iva incassata dalla filiera turistica delle stesse città d'arte. «Dobbiamo restare ottimisti – ha concluso Marzotto –. Puntiamo a far salire i visitatori stranieri dagli attuali 42 milioni ad almeno 60 milioni, portando il doppio delle presenze turistiche soprattutto a Sud di Roma». Allo studio c'è un patto strategico con le Regioni per promuovere il turismo nazionale e dall'estero a prezzi scontati.

RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio
L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER   
Effettua il login o avvia la registrazione.


 
   
 
 
 

-UltimiSezione-

-
-
6 maggio 2010
6 maggio 2010
6 maggio 2010
6 aprile 2010
6 maggio 2010
 
 
 
Cerca quotazione - Tempo Reale  
- Listino personale
- Portfolio
- Euribor
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-