ILSOLE24ORE.COM > Notizie Economia e Lavoro ARCHIVIO

Gara a due per gli impianti di Torino 2006

di Marco Ferrando

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
9 giugno 2009


Sarà gara a due per la gestione degli impianti olimpici di Torino 2006. Ieri alle 15 si è chiuso il termine per la partecipazione alla gara internazionale bandita dal Top, il Torino Olympic Park: due le buste arrivate sulla scrivania della presidente, Tiziana Nasi. I nomi dei candidati si conosceranno solo dopodomani, quando si riunirà il cda dell'ente, una fondazione pubblica costituita dagli enti locali e dal Coni, per nominare una commissione di valutazione ad hoc.

Ma intanto si è evitato il primo pericolo, quello della gara deserta: evidentemente, dentro alla voluminosa eredità dei giochi ci sono pezzi pregiati, costosi sì ma anche capaci di far reddito. Formalmente la gara prevede la gestione per 30 anni attraverso l' acquisto del 70% di Parcolimpico Srl di un pacchetto di dieci strutture che comprende due palazzetti (il Palasport e il Palavela di Torino), quattro impianti sportivi (trampolini del salto, pista di bob e di biathlon, half pipe), tre alberghi (Bardonecchia, Pragelato e Sansicario) e le arcate del Villaggio olimpico di Torino. Inizialmente la gara avrebbe dovuto chiudersi il 7 maggio scorso, ma vuoi per la concomitanza con la campagna elettorale, vuoi per l' inserimento in data room dei bilanci 2008, migliori del previsto il Top aveva deciso lo slittamento di un mese dei termini.

Le voci della vigilia davano in lizza dei cinque gruppi, tre stranieri e due italiani. Nomi in alcuni casi noti (come Live Nation e Aeg) che negli ultimi mesi erano stati visti compiere i sopralluoghi nei siti olimpici e bussare alle porte di alcuni professionisti della città per consulenze e valutazioni di benchmark. Un dato, intanto, è certo: chi si aggiudicherà la gara dovrà mettere mano al portafoglio. Ai 2,1 milioni (base d' asta) per il 70% di Parcolimpico, ne dovrà aggiungere altri 60 milioni per gli interventi di manutenzione e riparazione sugli impianti (una cifra «indicativa», specifica il bando) e altri 4,5 milioni per coprire il rosso con il quale si è chiuso l' esercizio 2008 di Parcolimpico, peraltro in linea con le previsioni. «Ci vuole un soggetto con le spalle larghe, lo sappiamo aveva dichiarato Tiziana Nasi, che del Top è presidente, presentando la gara. Ma sappiamo anche che un operatore del settore potrà trovare inaspettate fonti di reddito». Un esempio su tutti: l' intitolazione degli impianti, dai quali si stima che si possano ottenere sponsorizzazioni superiori al milione di euro solo per Palavela e Palasport, i due contenitori più appetibili.

9 giugno 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA
RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio
L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER   
Effettua il login o avvia la registrazione.


 
   
 
 
 

-UltimiSezione-

-
-
6 maggio 2010
6 maggio 2010
6 maggio 2010
6 aprile 2010
6 maggio 2010
 
 
 
Cerca quotazione - Tempo Reale  
- Listino personale
- Portfolio
- Euribor
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-