ILSOLE24ORE.COM > Notizie Finanza e Mercati ARCHIVIO

Il tribunale di Milano offre
la seconda chance a Risanamento

di Alberto Annicchiarico

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
10 novembre 2009
Il Palazzo di Giustizia di Milano
Le incognite sul progetto Santa Giulia
Il Tribunale: «Dai creditori un sostegno convinto»


Il Tribunale fallimentare di Milano ha respinto l'istanza di fallimento per il gruppo Risanamento presentata lo scorso luglio dai pm Laura Pedio e Roberto Pellicano, ritenendo che possa prendere la strada per uscire dalla situazione complicata in cui si trova. Il Tribunale ha precisato nelle motivazioni di avere valutato «esclusivamente sullo stato attuale degli atti», quindi sulla situazione presente del gruppo e non su ipotetici sviluppi futuri.

Il collegio presieduto da Filippo Lamanna ha omologato tutti gli accordi tra le società del gruppo e le banche creditrici: gli accordi di ristrutturazione del debito proposti sono stati ritenuti sufficienti, seppure passibili di stretta vigilanza, per affrontare e superare i rischi di insolvenza.

Il titolo Risanamento ha subito tratto immediato giovamento dalla sentenza, la cui notizia è giunta a fine mattinata: è stato sospeso al rialzo, a Piazza Affari, mentre segnava un guadagno di oltre il 24 per cento. Poi ha chiuso a +15,7 per cento. «Il Tribunale - ha commentato a caldo il vicepresidente di Risanamento, Umberto Tracanella - ha optato per un provvedimento corretto e agito nell'interesse della società e dei creditori».

Soddisfatto anche Giovanni Bazoli, presidente del consiglio di gestione di Intesa Sanpaolo, una delle grandi banche creditrici che partecipano attivamente al piano di salvataggio del gruppo fondato dall'immobiliarista piemontese Zunino. Bazoli, appresa la sentenza del respingimento da parte del Tribunale di Milano del fallimento di Risanamento, ha commentato laconicamente: «È una buona notizia».

Il piano di salvataggio presentato lo scorso settembre dalle banche creditrici - Intesa Sanpaolo, Unicredit, Banco Popolare, Bpm e Mps - prevede un aumento di capitale da 150 milioni e un prestito convertendo da 350 milioni, oltre alla messa in garanzia del bond in scadenza nel 2014 per altri 262 milioni e una linea di credito da 76 milioni per coprire un possibile contenzioso Iva. Dal punto di vista industriale, il piano prevede invece la vendita degli immobili da trading, la vendita nel 2012 dell'area Falck per 450 milioni e, sempre nello stesso anno, del 35% di Milano Santa Giulia per 270 milioni.

Lunedì prossimo si terrà invece l'assemblea degli azionisti di Risanamento con all'ordine del giorno il rinnovo del consiglio di amministrazione. Della lista delle banche creditrici, fanno parte l'attuale presidente Vincenzo Mariconda e Claudio Calabi, attuale amministratore delegato del Gruppo Sole 24 Ore (editore di questa testata online), che dovrebbe assumere lo stesso incarico in Risanamento.

L'iniziativa dei pm «ha senza dubbio inibito l'eventuale tentazione di ricorrere a metodi estemporanei o poco trasparenti nella composizione della crisi - scrivono i giudici del Tribunale civile di Milano nel motivare il no al fallimento di risanamento e l'omologazione del piano di salvataggio - magari imperniati proprio sulla partecipazione di una parte ristretta e qualificata del ceto creditorio, permettendo di ricollocare percorsi imprenditoriali di grande rilevanza in ambito di trasparenza e di piena intelligibilità da parte del mercato, effetto ancor più significativo se si consideri che Risamento Spa è una società quota in Borsa».

«All'ufficio del pm - aggiunge il collegio presieduto da Lamanna - sarà affidata, per quanto di ragione, e sempre nei limiti precisamente segnati dalla legge, un'opera di attenta vigilanza sulla regolare attuazione degli accordi di ristrutturazione che il Tribunale ritiene di dover omologare».

10 novembre 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA
RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio


L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER   
Effettua il login o avvia la registrazione.