ILSOLE24ORE.COM > Notizie Finanza e Mercati ARCHIVIO

Cambio al vertice Unipol: Salvatori annuncia l'addio

di Riccardo Sabbatini

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
Venerdí 18 Dicembre 2009

Carlo Salvatori preannuncia la sua uscita dall'Unipol gruppo finanziario (Ugf) ed il successore è già scelto. Alla prossima assemblea ordinaria di primavera, la Finsoe (la finanziaria di controllo del mondo cooperativo) proporrà al suo posto Carlo Cimbri, attuale direttore generale, giovane manager della vecchia guardia della compagnia.

L'avvicendamento al vertice del quarto gruppo assicurativo italiano (8 miliardi di premi raccolti nel 2008) era nell'aria da settimane. E ieri è stato lo stesso Salvatori a rompere gli indugi informando il Cda, nell'ultima riunione dell'anno, che non riproporrà la sua candidatura al prossimo rinnovo delle cariche sociali. Salvatori ha spiegato di considerare compiuta la missione affidategli nel giugno del 2006 quando assunse la guida del gruppo emiliano ancora scosso per la traumatica conclusione della fallita Opa sulla Bnl (aprile 2005) e per le dimissioni degli storici amministratori Gianni Consorte e Ivano Sacchetti.

«Abbiamo saputo reagire alla crisi di immagine e reputazione che avevano caratterizzato l'inizio del 2006 – ha sottolineato ieri in una dichiarazione – e siamo riusciti a superare la crisi finanziaria più grave dal dopoguerra ad oggi superandola senza traumi interni e, quel che più conta, senza ledere gli interessi dei clienti». L'azione di Salvatori, in questi anni, si è soprattutto concentrata sulla riorganizzazione del gruppo con la fusione tra Unipol ed Aurora, la costituzione di una holding (Ugf) sotto la quale sono state collocate le società operative bancaria e assicurativa. Il riordino, in particolare, ha riguardato Unipol Banca. «Quando sono arrivato mi sono messo le mani nei capelli - ha dichiarato lo stesso Salvatori in una recente intervista – vi era un'eccessiva concentrazione nei rischi, troppa esposizione nell'immobiliare».

Nuovi manager sono entrati nel gruppo, tra gli altri il nuovo responsabile vita Alberto Maria Maturi (ex Alleanza Assicurazioni ed Eurizon). Una parte (1 miliardo) della ricapitalizzazione effettuata per la scalata alla Bnl (1,7 miliardi) è stata restituita ai soci. Ma, nel complesso, la strategia di bancassicurazione della precedente gestione è stata confermata. Forse è stata questa mancanza di novità a non convincere la Borsa che in questi anni non ha premiato (vedi grafico) gli sforzi dell'Unipol. Ieri, però, non sono ugualmente mancati a Salvatori i ringraziamenti del presidente Pierluigi Stefanini e della Finsoe.

Ora la guida dell'Unipol passa a Cimbri che, a dispetto dell'età (45 anni) vanta una lunga militanza nella compagnia dove ha trascorso l'intera sua carriera professionale, lavorando sia a fianco di Consorte che di Salvatori. Della vecchia gestione ha ereditato alcune pendenze giudiziarie ed anche una condanna in primo grado per aggiotaggio (nel 2008, per un'operazione con la fondazione Mps su azioni privilegiate Unipol). Ma evidentemente i suoi azionisti, nell'indicarlo, sono convinti che alla fine farà valere le sue ragioni. Ha «la lucidità e la visione necessarie a gestire l'ulteriore evoluzione che Ugf si candida a vivere», ha sottolineato ieri la Finsoe.

Venerdí 18 Dicembre 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA
RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio


L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER   
Effettua il login o avvia la registrazione.