ILSOLE24ORE.COM > Notizie Italia ARCHIVIO

Prodi chiede solidarietà alle Regioni per risolvere l'emergenza rifiuti

di Nicoletta Cottone

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
9 gennaio 2008


Il premier Romano Prodi chiede solidarietà nazionale per affrontare e risolvere l'emergenza rifiuti in Campania e istituisce un tavolo tecnico per verificare forme e contenuti del concorso di ogni Regione. Lo ha fatto nel corso di un incontro a Palazzo Chigi fra Governo e Regioni sull'emergenza rifiuti in Campania. Nel corso dell'incontro il premier ha chiesto «uno scatto» a presidenti di Regioni, Province e agli amministratori comunali per superare l'emergenza. Alla riunione hanno partecipato il presidente della Conferenza delle Regioni e dell'Emilia-Romagna Vasco Errani, i presidenti della Toscana Claudio Martini, dell'Umbria Maria Rita Lorenzetti, del Lazio Piero Marrazzo, dell'Abruzzo Ottaviano Del Turco, del Molise Michele Iorio, della Sardegna Renato Soru, della Campania Antonio Bassolino, della Basilicata Vito De Filippo, il vicepresidente della Puglia Sandro Frisullo, assessori in rappresentanza di tutte le altre regioni, il presidente dell'Anci Leonardo Domenici e il presidente dell'Upi Fabio Melilli. Per il Governo erano presenti il ministro dell'Interno Giuliano Amato, della Difesa Arturo Parisi, dell'Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio, degli Affari regionali Linda Lanzillotta, il viceministro dell'Interno Marco Minniti e il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Enrico Micheli.

Intanto nel pomeriggio, bagarre in aula alla Camera all'inizio dell'informativa del Governo sull'emergenza rifiuti. Alle prime battute della relazione del ministro per i Rapporti con il Parlamento Vannino Chiti, forti rimostranze dell'opposizione per l'assenza del premier Romano Prodi, impegnato a Palazzo Chigi nel vertice operativo con le Regioni sull'emergenza rifiuti campana. Le critiche al premier in aula alla Camera sono state definite da Chiti «né giuste né fondate». Il ministro ha ribadito che non è il momento delle polemiche, è il tempo dell'impegno rigoroso. «Il Governo - sottolinea Chiti - non intende sottovalutare la gravità di quanto sta accadendo in Campania. Ora occorre agire con l'obiettivo di risolvere il problema dei rifiuti. Verrà poi il momento di valutare le responsabilità oggettive. Ora deve prevalere la coesione di tutti».

L'emergenza colpisce in modo pesante i cittadini, ma quel cumulo di immondizie ha inferto anche «un duro colpo all'immagine del Paese» in tutto il mondo. Chiti ha fatto un appello «non retorico o di comodo» alla collaborazione anche dell'opposizione. Per risollevare l'immagine dell'Italia, Chiti sostiene che si debba «assicurare in pochi mesi la fine di questa drammatica emergenza» e impegnarsi perché «in ogni area del paese sia assicurato un ciclo completo dei rifiuti». Scelte non più rinviabili né in Campania né altrove.

Chiti ha ripercorso gli obiettivi di breve e medio termine annunciati dal premier Prodi, dall'utilizzo delle Forze armate in momenti di urgenza, al contributo delle Regioni italiane nello smaltimento del cumulo di rifiuti che ha sommerso la Campania, all'impegno per realizzare 3 termodistruttori in Campania. Al timone il prefetto De Gennaro, coadiuvato dal generale Giannini. Impegno dei Comuni a varare i piani per la raccolta differenziata, con commissariamento di quelli che non rispettano gli impegni. Nove consorzi saranno sciolti immediatamente: 5 a Napoli, 4 a Caserta. Tutto l'intervento di Chiti è stato costellato da interruzioni di deputati dell'opposizione, capeggiati da Teodoro Buontempo, a più riprese richiamato all'ordine dal presidente di turno, Pierluigi Castagnetti.

RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio
L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER
Effettua il login o avvia la registrazione.


 
   
 
 
 

-UltimiSezione-

-
-
8 maggio 2010
8 maggio 2010
08 Maggio 2010
8 maggio 2010
8 maggio 2010
 
Prendeva la pensione della madre morta. Arrestato
L'Indagine del Cnr nei mari italiani
IL PUNTO / Il dopo Scajola e gli interrogativi sul governo
Addio a Giulietta Simionato
VIDEO / Le dimissioni di Scajola (da C6.tv)
 
 
Cerca quotazione - Tempo Reale  
- Listino personale
- Portfolio
- Euribor
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-