ILSOLE24ORE.COM > Notizie Italia ARCHIVIO

Immigrati: in Calabria apertura al voto amministrativo

di Mario Meliadò

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
11 marzo 2009
Commenta la notizia

CAULONIA (REGGIO CALABRIA) - Un esperimento destinato a terminare, probabilmente, in un giudizio davanti alla Corte costituzionale…

Per la prima volta in Italia il comune di Caulonia, 7.400 anime nell'Alto Jonio reggino, ha stabilito all'unanimità di attribuire ai «migranti» che risiedano «a qualsiasi titolo» sul territorio di quest'angolo della provincia di Reggio Calabria l'elettorato attivo e passivo. Tradotto: anche senza previa acquisizione del diritto di cittadinanza – in pienissima epoca di "ronde" e di "stretta" in materia di sicurezza – comunitari di altri Paesi Ue ed extracomunitari a Caulonia potranno votare ed essere eletti alle prossime Amministrative.

Una decisione destinata certamente a fare scalpore su scala nazionale, come attesta la partecipazione dello stesso primo cittadino cauloniese Ilario Ammendolia insieme ai sindaci delle vicine Riace (Mimmo Lucano) e Stignano (Pier Domenico Sasso) alla conferenza stampa programmata dai vertici della Regione Calabria per mercoledì mattina a Catanzaro per illustrare una proposta di legge regionale sull'accoglienza agli immigrati. Tema sul quale le comunità dell'Alto Jonio reggino da tempo hanno sviluppato sperimentazioni significative e una particolare sensibilità.

La battaglia della Sinistra radicale è stata sposata dall'intera assemblea, anche perché cristallizza il «naturale approdo di un percorso», si legge nel provvedimento, imperniato su politiche occupazionali, mediante tirocini formativi; sociali, con la garanzia della tessera sanitaria a tutti, inclusi i tanti "desperados" giunti nella Locride sulle "carrette del mare"; d'integrazione, mediante la concessione del diritto di voto. Bisognerà vedere ora come reagirà il Governo centrale. Potrebbe impugnarlo davanti alla Corte costituzionale. In via transitoria, è prevista una Consulta degli immigrati che includerà un rappresentante degli stranieri comunitari e uno degli extracomunitari, che potranno anche presenziare alle sedute consiliari, con diritto di parola ma non di voto. L'operazione sarà chiusa invece, più lentamente, con la modifica dello Statuto da parte di segreteria comunale e ufficio elettorale per includere gli immigrati nelle liste elettorali.

11 marzo 2009
RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio
L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER
Effettua il login o avvia la registrazione.


 
   
 
 
 

-UltimiSezione-

-
-
8 maggio 2010
8 maggio 2010
08 Maggio 2010
8 maggio 2010
8 maggio 2010
 
Prendeva la pensione della madre morta. Arrestato
L'Indagine del Cnr nei mari italiani
IL PUNTO / Il dopo Scajola e gli interrogativi sul governo
Addio a Giulietta Simionato
VIDEO / Le dimissioni di Scajola (da C6.tv)
 
 
Cerca quotazione - Tempo Reale  
- Listino personale
- Portfolio
- Euribor
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-