ILSOLE24ORE.COM > Notizie Italia ARCHIVIO

Gli scontri interetnici in Italia

di Franco Vergnano

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
14 febbraio 2010


Dopo gli scontri di ieri sera a Milano nella zona di viale Padova per l'omicidio a coltellate di un egiziano di 19 anni da parte di un sudamericano, seguito da una rivolta nel quartiere, questo pomeriggio la calma sembrava essere tornata.

A qualcuno i disordini di ieri sera hanno fatto venire in mente gli scontri tra bande etniche che avvenivano con una certa frequenza nella Los Angeles di un quarto di secolo fa dove i coreani si scontravano con la gente di colore e i sudamericani con la mafia cinese.

A pensarci bene, anche nell'Italia multietnica di oggi è molto probabile che la rissa milanese di San Valentino rimanga nell'immaginario collettivo come la prima battaglia tra etnie diverse.
Almeno a raccogliere i segnali deboli, come direbbe un esperto del calibro di Moises Naim. La rissa di viale Padova è infatti stata innescata da un banale piede pestato da uno dei cinque latinos a uno dei tre africani a bordo di un autobus e degenerato poi in strada.

Segnali di tensione sociale, di fuoco che cova sotto la cenere. Niente a che fare con i regolamenti di conto, con tanto di assalti all'arma bianca e sventagliate di pallottole, tra i giovani leoni emergenti cinesi di via Paolo Sarpi, dalla parte opposta di Milano, per il controllo del territorio. E niente a che fare con il controllo della prostituzione - anche qui multietica - di Viale Abruzzi, appena dopo la rotonda di Piazzale Loreto. Diverso anche dal caso di un altro recente accoltellamento alla gola tra rumeni nei giardini di Via Vibò, nel quartiere torinese di via Chiesa della salute dove per strada vanno a far la spesa donne velate.

«Viale Padova, a Milano, è una delle aree a maggior concentrazione di stranieri della città: si arriva al 30-40 per cento. Inoltre, proprio sulla strada, insistono edifici e isolati perfettamente riqualificati (con anche, nelle vicinanze, qualche azienda del terziario avanzato) e vicoli a massiccia presenza di immigrati». Racconta un esperto come Alfredo Agustoni, ricercatore all'università di Chieti-Pescara e collaboratore con la Cattolica. Agustoni,con il collega Alfredo Alietti, ha scritto proprio su Viale Padova il saggio «Società urbane e convivenza interetnica. Vita quotidiana e rappresentazioni degli immigrati in un quartiere di Milano», per Franco Angeli.

Nell'area a ridosso di piazzale Loreto, gli immigrati sono una fetta importante del tessuto sociale, come dimostrano anche le 1.311 imprese di proprietà straniera censite da Unioncamere.
Nella zona, i cinesi, i filippini, gli orientali, sono quasi invisibili. Al contrario i sudamericani sono rumorosi, pochi ma confusionari. Diversi dati dicono che fanno facilmente uso di alcool e questo crea frizioni, disturbi, a volte conflitti. I nord africani, invece, sono quelli più radicati con il territorio. Vuoi perché stanno da più tempo nel nostro Paese, vuoi perché lavorano in attività di italiani più remunerative, legali o meno. Sono quelli che potrebbero andar via, ma non ci sono altre possibilità di abitazione. «Perché, si chiede Agustoni? Diversi i motivi, tra cui - come sempre avviene in questi casi (a cominciare dalle soffitte di via Garibaldi affittati ai primi immigrati meridionali negli anni 60 alle successive case destinate agli extracomunicatari di San Salvario, sempre a Torino). «La zona vive su un degrado che è difficile da risolvere - spiega Agustoni -. I proprietari delle vecchie case hanno dato in affitto appartamenti in stabili cadenti a prezzi altissimi. Questo guadagno di pochi, in questo modo, impedisce l'intervento di ripulitura. Inoltre, in questo modo, si concentrano in una casa molte persone, come non ce ne dovrebbero essere. E si creano problemi di convivenza". Se poi a tutto questo si aggiunge il fatto che le associazioni degli stranieri od anche i comitati cittadini, sono poco rappresentativi, il quadro è completo.

14 febbraio 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA
RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio


L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER
Effettua il login o avvia la registrazione.
 
   
 
 
 

-UltimiSezione-

-
-
8 maggio 2010
8 maggio 2010
08 Maggio 2010
8 maggio 2010
8 maggio 2010
 
Prendeva la pensione della madre morta. Arrestato
L'Indagine del Cnr nei mari italiani
IL PUNTO / Il dopo Scajola e gli interrogativi sul governo
Addio a Giulietta Simionato
VIDEO / Le dimissioni di Scajola (da C6.tv)
 
 
Cerca quotazione - Tempo Reale  
- Listino personale
- Portfolio
- Euribor
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-