ILSOLE24ORE.COM > Notizie Mondo ARCHIVIO

Le fabbriche dei Nobel, la classifica degli atenei che hanno formato i vincitori del premio

di Luigi dell'Olio

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
12 ottobre 2009
Nobel, la classifica degli atenei con pi¨ riconoscimenti dal 1901

"Abbiamo pi¨ premi Nobel di qualsiasi altra istituzione al mondo" si leggeva qualche giorno fa in una news pubblicata sul sito dell'UniversitÓ di Cambridge. Con le due vittorie del 2009 - Venki Ramakrishnan per la chimica e Elizabeth H. Blackburn la medicina – l'ateneo inglese ha raggiunto quota 85 premi Nobel, secondo il criterio utilizzato dai vari atenei che considera ex-studenti e ricercatori, docenti che hanno insegnato prima di ricevere il Nobel e quelli che lo hanno fatto successivamente. Un riconoscimento che sposa alla perfezione il motto scelto da Cambridge: "Hinc lucem et pocula sacra", locuzione latina che pu˛ essere tradotta come "L'eccellenza Ŕ un valore irrinunciabile". I nomi celebri passati per le aule dell'ateneo inglese si sprecano: dall'economista Amartya Sen – prima ricercatore e poi docente – al filoso e matematico Bertrand Russell, dall'economista Eric Maskin al premio Nobel per la medicina Alan Lloyd Hodgkin.

Confrontando i dati di Cambridge con quelli degli altri atenei si scopre, in realtÓ, che l'ateneo inglese non Ŕ da solo in vetta. A fargli compagnia con lo stesso numero di riconoscimenti Ŕ l'UniversitÓ di Chicago, che anche quest'anno ha aggiunto un nuovo attestato con Ada Yonath, co-vincitrice del premio per la chimica. Nomi che si aggiungono a tanti altri illustri, a cominciare da Paul Anthony Samuelson e Milton Friedman, due pietre miliari negli studi economici. Rispetto a Cambridge, Chicago ha avuto un numero inferiore di studenti poi premiati (29 contro 65), ma pi¨ docenti, prima e dopo la conquista del premio. Anche nel caso dell'ateneo americano, il motto latino scelto suona profetico: "Crescat scientia; vita excolatur" ovvero "Aumenti la sapienza e la vita ne sarÓ arricchita".

Dominio a stelle e strisce
Analizzando tutti i premi Nobel assegnati e confrontandoli con gli atenei di formazione e/o insegnamento, il quadro premi nettamente le UniversitÓ statunitense. Alle spalle della coppia di testa si posiziona la Columbia University (con 78 premi Nobel), dove ha studiato Barack Obama – insignito del riconoscimento per la Pace quest'anno – e che nel palmares docenti indica, tra gli altri, gli italiani Franco Modigliani e Carlo Rubbia. Ai piedi del podio si piazza Harvard, con 75 riconoscimenti tra cui Theodore Roosvelt ed Henry Kissinger. Segue il Mit di Boston, "fabbrica" di 72 Nobel tra cui Joseph Stiglitz e Paul Krugman. Quinto posto per l'UniversitÓ della California, che da sola vanta 65 premi, che arrivano tuttavia a 111 sommando anche gli altri campus consorziati come Berkeley, Los Angeles e San Diego.
Per trovare il primo ateneo non anglossasone bisogna scorrere la graduatoria fino al settimo posto: l'UniversitÓ di Parigi pu˛ vantare 59 Nobel, tra cui spicca quello a Jean Paul Sartre. La tedesca Gottingen, dove ha studiato tra gli altri Enrico Fermi, Ŕ decima e l'UniversitÓ di Monaco di Baviera dodicesima.

Indietro le italiane
Passando alle vicende italiane, il quadro che emerge Ŕ desolante, per quanto non nuovo: a fronte di 20 premiati, infatti, sono pochi gli atenei che possono vantare di essere state "Fabbriche dei Nobel": ad esempio, il veronese Mario Capecchi, insignito del riconoscimento per gli studi medici nel 2007, vive negli Stati Uniti dall'etÓ di 8 anni. Nel paese americano ha studiato (prima a New York poi all'Antioch College) e insegna (Utah e Harvard). Detto di Fermi e Rubbia, va anche ricordato che entrambi hanno frequentato la Normale di Pisa. Renato Dulbecco e Rita Levi Montalcini hanno studiato, invece, all'UniversitÓ di Torino, ma per entrambi la consacrazione Ŕ arrivata grazie alle ricerche realizzate negli Usa. Un destino comune a quello di tanti giovani ricercatori di oggi, dei quali probabilmente l'Italia si ricorderÓ al primo riconoscimento internazionale.

12 ottobre 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA
RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio


L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER
Effettua il login o avvia la registrazione.
 
   
 
 
 

-UltimiSezione-

-
-
8 maggio 2010
8 maggio 2010
 
Scene dal Pacifico
La storia per immagini dei magazzini Harrods
Il giorno del mistero a Wall Street
Elezioni inglesi / Chi ha fatto centro? La vignetta di Stephff
Election day
 
 
Cerca quotazione - Tempo Reale  
- Listino personale
- Portfolio
- Euribor
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-