ILSOLE24ORE.COM > Notizie Norme e Tributi ARCHIVIO

Prostituzione: Times, il ministro Carfagna sotto tiro

di Elysa Fazzino

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
12 settembre 2008

Il sesso a pagamento è sempre un argomento popolare e la stampa straniera non si lascia sfuggire l’occasione di parlarne: il disegno di legge sulla prostituzione è una delle notizie dall’Italia oggi più presente sui siti esteri d’informazione.

 

Il Times di Londra sceglie di fare il titolo sulle critiche che l’iniziativa ha scatenato contro il ministro delle Pari Opportunità: «L’ex showgirl Mara Carfagna sotto tiro per legge anti-prostituzione». La corrispondenza di Richard Owen comincia con l’attacco sferrato dalla rappresentante delle prostitute contro il ministro Carfagna «per avere condannato le donne che vendono il proprio corpo». L’articolo del Times riferisce che il ministro ha spiegato di volere combattere le organizzazioni criminali che fanno profitti «osceni» riducendo le donne in schiavitù. Ma è la frase che censura chi vende il proprio corpo a suscitare polemica: Owen riporta la reazione «piuttosto stupita» di Carla Corso, fondatrice del comitato dei diritti delle prostitute: «Dopotutto – ha affermato la Corso - la signora ha usato il suo corpo per arrivare dove è arrivata, facendo calendari. Basta aprire internet per vedere le sue grazie».

 

Ai lettori britannici il Times ricorda che il ministro Carfagna (di cui c’è una foto) ha gareggiato per Miss Italia, è stata una modella topless e una showgirl della tv. Inoltre, ricorda la vicenda delle intercettazioni delle telefonate tra la Carfagna e Silvio Berlusconi, definite «erotiche» dai media italiani. Quanto al disegno di legge, cita gli apprezzamenti di alcune organizzazioni cattoliche, ma anche il giudizio della Caritas, secondo cui non farebbe che spingere la prostituzione all’interno nelle case. La legge – scrive Il Times – fa parte del giro di vite del governo Berlusconi contro il crimine e l’immigrazione illegale e arriva nel cinquantesimo anniversario dell’abolizione dei bordelli in Italia. «E’ la prima iniziativa importante di Ms Carfagna come ministro», conclude l’articolo - «Da quando ha assunto l’incarico ha parlato contro le unioni di persone dello stesso sesso, l’aborto e le aggressioni e ha detto che la sua priorità è di aumentare il tasso delle nascite dell’Italia, tra i più bassi d’Europa».

 

Del tutto diverso – e decisamente positivo - il tono del Daily Mail, che pubblica una foto del ministro Carfagna mentre fa il gesto della vittoria. «L’Italia colpisce la prostituzione con leggi dure per ripulire le strade e punire i magnaccia». Il governo Berlusconi – scrive il tabloid britannico - «apre un nuovo fronte nella sua battaglia contro il crimine». Dopo avere spiegato l’iniziativa il Daily Mail cita le lodi di un’organizzazione cattolica per il «coraggio»  del ministro Carfagna. «La sua nomina aveva suscitato ilarità a causa del suo passato di showgirl», commenta l’articolo. «Ma la trentaduenne laureata in legge si è guadagnata elogi per le nuove leggi per proteggere le donne da abusi sessuali e aggressori».

 

Il Telegraph avverte nel titolo che la nuova legge punirà «prostitute, magnaccia e clienti», parla di norme «dure» e ricorda che il governo Berlusconi ha promesso «tolleranza zero» contro il crimine. Nell’articolo viene data voce anche alle critiche di Pia Covre, del comitato dei diritti delle prostitute, secondo cui la legge «punisce solo le lavoratrici del sesso, non i trafficanti di donne», il governo non fa che «spingere il problema nel sommerso», imprigionare le prostitute e i loro clienti aggraverà il sovraffollamento delle carceri.

 

Fa molta strada un lancio dell’agenzia Ap, «Il governo italiano potrebbe far diventare la prostituzione di strada un crimine». La notizia parte spiegando che con questa misura il governo si propone di smantellare i racket della prostituzione. «Attualmente in Italia la prostituzione è legale, ma lo sfruttamento della prostituzione è proibito». La storia è su numerosi siti esteri, tra cui quelli del francese Nouvel Observateur e degli americani UsaToday, Washington Post, International Herald Tribune, San Francisco Chronicle, Chicago Herald Tribune.

RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio
L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER
Effettua il login o avvia la registrazione.


 
   
 
 
 

-UltimiSezione-

-
-
22 maggio 2010
21 maggio 2010
21 maggio 2010
20 maggio 2010
20 aprile 2010
 
Gli esperti del ministero rispondono a tutti i dubbi sugli incentivi
La liquidazione: rimborsi e debiti
I redditi da dichiarare
La salute e gli altri sconti
La famiglia e la casa
 
 
Cerca quotazione - Tempo Reale  
- Listino personale
- Portfolio
- Euribor
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-