Il team italiano N. Technology porta la Fia in tribunale

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
12 luglio 2009

Il gruppo italiano MSC, casa madre del team N.Tecnology, trascinerà la Fia in tribunale dopo essere stata costretta a rinunciare al processo d'iscrizione al Mondiale 2010 di Formula 1, a causa delle presunte "irregolarità" della Federazione internazionale in maniera di comunicazione sulle regole per la prossima stagione, sulle quali regna ancora profonda incertezza a causa della disputa con l'associazione dei team (Fota). La MSC ha deciso di rivolgersi al tribunale per le grandi istanze di Parigi, città nella quale ha sede la Fia, al quale la scorsa settimana è stata presentata richiesta per una udienza legale.
Il team N. Technology ha ora rivelato ad Autosport che la richiesta di audizione è stata accettata dal tribunale parigino ed è stata fissata al prossimo 15 settembre. "Stiamo facendo questo in nome dello sport, perché dal nostro punto di vista la procedura per la richiesta d'iscrizione dei nuovi team non è stata trasparente", ha detto Angelo Codignoni, membro del consiglio d'amministrazione di MSC.

12 luglio 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA
RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio