Speciali in evidenza
Speciale Smau
Speciale ambiente
Speciale scuola
Speciale Auto
Un anno di rincari
Speciale mutui
Voli low cost
Speciale ETF
Studi di settore
Risparmio energetico
Auto & fisco
Navigatori GPS
Musica Mp3
Guida alle facoltà
Come risparmiare
XV Legislatura
shopping 24

Servizi

Il Sole Mobile

Servizi Ricerca

Cultura e Tempo Libero

ARCHIVIO »

11 agosto 2006

Sanguineti: «La letteratura è un gioco che può ancora scandalizzare»

di Francesco Prisco

Ha lo sguardo basso alla maniera dei filosofi cinici, un profilo tagliente da ricordare le stampe di Goya e l’ardire di definirsi materialista storico, «almeno nel tentativo, perché non è mica facile, dopo tutto, essere un materialista storico».

Ha una rara capacità affabulatoria ed una memoria prodigiosa, attraverso la quale riesce a ripercorrere, in una chiacchierata di un paio d’ore, almeno tre millenni di letteratura universale, con divertita propensione a perdersi. Ha, soprattutto, uno dei pochi nomi che in Italia, quando si parla di cultura, nel bene e nel male mettono ancora soggezione: Edoardo Sanguineti.
Il profeta del Gruppo 63 arriva nel cuore del Ravello Festival per discorrere del “Gioco della poesia”. Immancabilmente fa proseliti tra quanti non lo conoscevano abbastanza e al tempo stesso, com’è nel suo stile, crea scompiglio tra quanti credevano di conoscerlo. A che gioco assomiglia la poesia? «Un componimento poetico – spiega – è un indovinello un po’ particolare, perché ammette più soluzioni. Gli indovinelli sin dai tempi dell’Oracolo di Delfi hanno un’unica soluzione. Noi, invece, siamo ancora qui a discutere su cosa significhi “A Silvia” o “Tanto gentile e tanto onesta pare”». Uno degli errori più grandi, ad ogni modo, è quello di considerare il concetto di poesia dotato di un valore in sé. «Quando pensiamo alla poesia – dice l’autore del “Giuoco dell’oca” – ci viene in mente subito qualcosa di nobile, di elevato. Siamo portati a credere che una componimento abbia valore in sé perché la poesia subisce ancora il retaggio di una cultura magica presso la quale il “dire” corrispondeva ad un “fare”. Una cultura antichissima, dal momento che l’uomo è l’animale che scrive poesie. In realtà ci sbagliamo: esistono poesie buone e poesie cattive. Anche la filastrocca “Trenta giorni a novembre” è una poesia. Serve ad imparare a memoria con estrema facilità nozioni che ci serviranno per la vita. Ma ci guardiamo dal considerarla un’opera sublime». C’è un motivo per il quale a scuola i ragazzi non imparano più le poesie a memoria? «E’ colpa dei professori», secondo Sanguineti. «La poesia è fatta per essere letta, riletta e, conseguentemente, conservata nella memoria. Tuttavia costringere uno studente ad andare per ore avanti e indietro in giardino per imparare il “5 maggio”, che pure è un capolavoro assoluto, non mi sembra un’azione edificante. Quello stesso studente magari impara a memoria “Satisfaction” dei Rolling Stones, senza che nessuno glielo imponga, soltanto per il fatto che gli piace la musicalità di quei versi. Sarebbe insomma opportuno che i professori mettessero le poesie in discussione con i loro studenti. C’è la possibilità che queste finiscano col piacere, l’essere lette, rilette e, magari, imparate a memoria». Una riflessione a parte Sanguineti la dedica prima alla parola e poi al concetto di Neoavanguardia: «Quando lanciammo il Gruppo 63 e parlammo di Nuova Avanguardia il prefisso “neo” aveva ancora un valore di rottura, lo stesso che aveva posseduto per tutto il corso della storia della cultura. Si pensi per esempio ai neòteroi, ai poeti novi, al Dolce stil novo o addirittura al Neorealismo. Si era “neo” perché si intendeva recuperare qualcosa dal passato per costruire il futuro. Oggi quello stesso prefisso ha un valore reazionario: si pensi al termine “Neocon”. Può mai un conservatore essere nuovo?». Della stagione neoavanguardista Sanguineti poi ricorda: «All’inizio degli anni Sessanta i reduci della cultura italiana del Dopoguerra si erano tutti fermati. Da Moravia a Luzi, fino a Pasolini avevano un po’ perso la testa. Ci divertimmo a dare una scossa a quell’Italia, dimostrando che fare avanguardia era ancora possibile, e soprattutto che scandalizzare era ancora possibile». Oggi c’è ancora chi sa giocare fino a scandalizzare? «Al cinema lo fa molto bene Lars Von Trier, un grande. Da noi abbiamo Ciprì e Maresco. Hanno fatto solo tre film ma continuano a spiazzare lo spettatore. Se entri in una sala mentre proiettano un loro lavoro, vedi due o tre persone con l’espressione tutt’altro che compiaciuta. Buon segno». Ma c’è ancora chi intende la letteratura come gioco? «Per quanto riguarda la prosa dico Tiziano Scarpa e Aldo Nove. Per quanto riguarda la poesia mi piace molto Marcello Frixione, uno giovane che scrive di ninfe che indossano il tanga».



 

Suggerimenti

>Info quotazioni

A richiesta, via sms, la quotazione istantanea e in tempo reale del titolo che ti interessa

>Flash news

Scarica il programma gratuito, e ricevi sul tuo desktop le ultimissime notizie di economia e finanza

News

champions

L'Inter (2-1a Mosca) brava e fortunata: ribalta il risultato e vince

auto

Rimandato il lancio della «Panda cinese» per la causa con la Fiat

expo 2015

Luci sui progetti che fanno bella Milano: l'omaggio agli ospiti di Expo 2015

anniversari

Novant'anni fa la battaglia di Caporetto, madre di tutte le batoste

computer

Asus: così il notebook diventa ultraleggero

prospettive

Il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca (Stefano Capra / Imagoeconomica)

Turismo a Roma, invia le tue domande per il forum di mercoledì

GIAPPONE

La palazzina del Progetto Sofie sottoposta all'esperimento anti-sismico

Terremoto del settimo grado della scala Richter, ma la casa in legno fatta nel Trentino resiste

iniziative

L'appello di Nòva24: il Governo rilancia sul 5 per mille

ARTECONOMY24

ArtEconomy 24
Tutte le quotazioni dal Frieze di Londra su ArtEconomy24. E in più aste, mostre e gallerie.

viaggi24

Singapore. Dove tutto è possibile
Viaggio in una delle capitali mondiali dello shopping e del commercio.

In Evidenza

CRIBIS.it
Informazioni per decidere con chi fare o non fare business, in Italia e nel mondo.

Concorsi ed esami
Visita la sezione concorsi ed esami, troverai un'aggiornata rassegna di concorsi e offerte di lavoro nel pubblico impiego

Il SUDOKU del Sole 24 ORE
Invia un SMS con scritto SUDOKU al 48224 per poter giocare sul tuo cellulare! Clicca qui per ulteriori informazioni

A Natale un regalo diverso?
AMREF presenta alle aziende tante idee per un Natale solidale con l'Africa da regalare a clienti, fornitori, dipendenti e amici.

Le tue foto su Casa24
Un angolo accogliente, un mobile insolito, un ambiente particolare: inviaci le foto della tua casa, le più belle saranno pubblicate sul sito.

Intel: la tecnologia a misura di azienda
Intel risponde alle domande delle imprese.
Approfondimenti su sicurezza, mobility, gestione sistemi e risparmio energetico

Pubblicità