ILSOLE24ORE.COM > Notizie Cultura e Tempo libero ARCHIVIO

Firenze ritrova i capolavori "smarriti"di Paul Cezanne

di Stefano Biolchini

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
2 marzo 2007

Galleria fotografica

FIRENZE. È con un misto di ammirazione e rimpianto che a Firenze ci si accosta ai Cezanne esposti a Palazzo Strozzi: se a dettare il primo sentimento è - e non potrebbe essere altrimenti - la vicinanza con alcuni fra i numerosi capolavori del padre della pittura moderna, a generare quel non so che di malinconico è la coscienza dello schiaffo imperdonabile occorso alle nostre collezioni quando si rinunciò - colpevolmente - a non acquisirle al nostro patrimonio. Peccato, ma evviva. Evviva perché se il poeta Rainer Maria Rilke spiegò di essere rimasto folgorato davanti al rosso acceso della poltrona raccolta intorno alla figura monumentale di Hortense Fiquet, moglie dell'artista (Madame Cezanne sulla poltrona rossa, 1877, Boston Museum of fine Arts), anche per chi è privo del dono della poesia risulta impossibile sottrarsi al magnetismo di questo capolavoro della meditazione, che, con le sue variazioni volumetriche e geometriche - prima fra tutte la mirabile forma ovale applicata al volto - nonché per l'uso del colore, è anche punto di rottura e nuovo caposaldo nella storia della ritrattistica. Il quadro abbelliva la sala da pranzo di un palazzo fiorentino e nel 1920 venne esposto alla Biennale di Venezia. Con il suo ritorno, insieme ad una ventina di capolavori del pittore francese ospitati nelle austere sale - fresche di restauro - di Palazzo Strozzi, Firenze prova dunque a rifarsi della grande occasione mancata, riportando in città parte dei cinquanta dipinti del pittore di Aix-en-Provence oggi dispersi fra le più importanti collezioni e istituzioni straniere (Cezanne a Firenze. Due collezionisti e la mostra dell'Impressionismo del 1910, a cura di Francesca Bardazzi, Firenze, Palazzo Strozzi, fino al 29 luglio). Tele che agli inizi del '900 resero illustri e uniche per numero e prestigio le collezioni di due cittadini americani trapiantati in terra d'Arno, Egisto Paolo Fabbri e Charles Alexander Loeser, che del genio sperimentale e solitario, prima della critica, seppero riconoscere il grande valore. Figlio di emigrati toscani divenuti ricchissimi in America, "il pittore, filosofo e architetto" Fabbri di Cezanne (all'epoca ancora vivo anche se snobbato dai critici) in città ne portò trentadue, mentre lo storico dell'arte e compagno di studi ad Harvard di Bernard Berenson, Loeser, alla Villa Gattaia (ai piedi di San Miniato) ne raccolse quindici, otto dei quali - come scrisse lui stesso «quelli di maggior valore» - lasciò poi in eredità al presidente degli Stati Uniti e ai suoi successori nella carica. Paul Cézanne, Casa sulla Marna, 1888-90, olio su tela, cm. 73 x 91. Governo degli Stati Uniti, Lascito di Charles A. LoeserProprio dalla Casa Bianca è stato eccezionalmente prestato Casa sulla Marna, 1898-1890. Il quadro , lasciato in deposito alla National Gallery di Washington da Harry Truman, tornò nella residenza presidenziale, collocato nella Yellow Oval Room, per volere di Jacqueline Kennedy, facendo spesso da sfondo alle foto ritratto ufficiali della più celebre coppia presidenziale. Il paesaggio rappresentato ben sintetizza la fase finale dell'artista, con i suoi verdi e marroni pastosi e accesi dalla incessante sperimentazione en plein air, con le ricorrenti parti di non finito in evidenza e soprattutto con le "taches" d'olio nettamente distinte e scostate. Sempre dagli Stati Uniti , dal Metropolitan Museum of Art, è giunto Le Bagnanti, 1875-1876. Si tratta di una delle prime composizioni sul tema che gran parte ha nella storia della pittura - basti pensare al ruolo esercitato da questi dipinti nell'elaborazione picassiana delle Demoiselles d'Avignon - e che il mercante Vollard cedette a Loeser in cambio di un quadro di Toulouse-Lautrec e di altri tre dipinti dello stesso Cezanne. In mostra, ricompare dopo sessant'anni, grazie all'attento lavoro della curatrice, una copia della Cena in casa di Simone del Veronese, dipinto da Cezanne tra il 1860 e il 1870.

Scrisse Giuliano Briganti che solo per una lunga serie di incomprensioni ed equivoci i quadri di Cezanne non furono acquisiti dai muesi italiani, nonostante molti di essi avessero già figurato alla grande prima italiana sull'Impressionismo del 1910 o alla Biennale di Venezia del 1920.

Paul Cézanne, Ritratto di Monsieur Chocquet 1880, collezione privataUn' unica tela di Cezanne ancora a Firenze è il Ritratto di Monsieuer Chocquet, 1889, dipinto che Berenson (ma solo dopo un ripensamento e lo scetticismo iniziale verso l'intera produzione di Cezanne) paragonò ai ritratti di El Greco, ritendolo superiore ad essi «perchè questo pittore bizantino non è mai stato capace di un tocco così pungente». Il quadro da decenni giace nascosto in caveaux ed è negato alla vista di pubblico e studiosi; nulla hanno potuto all'occasione i curatori di questa mostra dall'allestimento rigoroso fino all'asciutto. Nota dolente e immeritata risposta di una città che, mentre rende degno merito al clima e fervore artistico del suo primo '900 (sono in mostra anche tele di Pissarro, Van Gogh, Matisse, Sargent, Denis, Cassatt, Weirr, La Farge, Fattori, Gordigiani, Soffici, Andreotti, Rosso, Ghiglia, Rosai e dello stesso pittore collezionista Fabbri), ancora una volta dimostra di non saper guardare al suo ruolo e futuro. Il catalogo per questa prima prova della Fondazione Palazzo Strozzi è curato da Electa.

Cezanne a Firenze. Due collezionisti e la mostra dell'Impressionismo del 1910, Bardazzi, Firenze, Palazzo Strozzi, fino al 29 luglio, catalogo Electa.

RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio
L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER   
Effettua il login o avvia la registrazione.


 
   
 
 
 

-UltimiSezione-

-
-
7 maggio 2010
 
Aguilera ambasciatrice contro la fame
La consegna dei David di Donatello
Man Ray a Fotografia Europea
Elegante e brutale. Jean-Michel Basquiat alla Fondation Beyeler di Basilea
"World Press Photo 2010". Fotografie di autori vari
 
 

Trovo Cinema

Scegli la provincia
Scegli la città
Scegli il film
Tutti i film
Scegli il cinema
Tutti i cinema
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-