ILSOLE24ORE.COM > Notizie Cultura e Tempo libero ARCHIVIO

Danza / Sostakovic scolpisce Michelangelo

di Giuseppe Distefano

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
30 marzo 2007

Galleria fotografica

Danzare Michelangelo. Dare forma e movimento al suo genio, alla sua arte, alla sua vita, individuando soprattutto la dimensione del poeta attraverso i versi da lui composti. Impresa ardua ma non impossibile. Lo ha fatto Beppe Menegatti con "Sostakovic-Michelangelo", nel proseguimento dell'omaggio del Teatro dell'Opera di Roma per il centenario della nascita del compositore russo, grazie all'apporto determinante di Cosimo Manicone che ha selezionato e assemblato le poesie del Buonarroti accostandovi testi di Elliot, Freud, Luzi, Montale, Mann, Testori e un inedito Sanguineti. Sulla musica di Dmitrij Sostakovic, che sui versi di Michelangelo compose la suite op. 145, accompagnata dal baritono Paolo Coni e dalla voce recitante di Italo Dall'Orto, si sviluppa uno spettacolo di danza superbo, per intelligenza creativa e resa compositiva, grazie soprattutto alla coreografia astratta di Gillian Whittingham, di matrice neoclassica, compatta, emozionante nel tradurre, senza narrare, stati d'animo e passaggi esistenziali della parabola umana dell'artista con gesti che evocano sentimenti universali. L'azzurro luminoso del sipario griffato, che riprende lo stesso colore della Cappella Sistina, e che si estende sul resto della scena ondivaga (di Franco Purini) con delle uscite sfumate lungo la parete, è già una scultura nello spazio scenico punteggiato in alto da un fregio classico. Annegato nell'azzurro e da un gioco di luci che via via ne modella la plasticità, campeggia, spostato a vista, l'enorme busto incompiuto di un Prigione michelangiolesco, perno visivo e drammaturgico dell'azione. Attorno ad esso scorrono i nove interpreti maschili con in evidenza Mario Marozzi in una convincente prova che ne risalta le qualità atletiche ed espressive. In abiti bianchi il gruppo di danzatori compone quadri e composizioni plastiche che rimandano a celebri opere del genio - come la Pietà Rondanini. Nel fremente respiro corale dei movimenti si stagliano assoli e duetti a scandire le asperità e i trionfi, l'estasi e il tormento. Come quello tra Michelangelo e il giovane Tommaso Cavalieri (un intenso Fabio Grossi) reso con pudico afflato da un intreccio di movimenti circolari, ripresi poi in un terzetto come prolungamento della inestinguibile creazione, dove le mani nascondono gli occhi, contengono i volti l'uno dell'altro, plasmano la mente e il cuore. Si susseguono sequenze che danno "petrosità" danzante al verso per esprimere la fuga, la separazione, la rabbia, lo scherzo, la creazione, la morte, l'immortalità e, infine, il cammino verso l'esilio a "contemplare Dio". Nel percorso poetico e coreografico si aggiunge - quasi sdoppiandosi dai più maturi ballerini - un giovanissimo gruppo (di allievi della Scuola di Ballo), altre membra di quel blocco marmoreo che genererà nuova bellezza e perpetuerà la vita e la giovinezza. Personificazione della grazia, dell'ispirazione, dell'"eterno femminino" è un'eterea, polarizzante, candida dodicenne, Flavia Stocchi, di sicuro talento. Nella sua iniziale apparizione, lei è la scintilla del mattino che «serra l'petto e poi par che si spanda». E' quindi l'amore, «'l ver della beltà c'aspiro», nelle rime tenere e appassionate di Michelangelo per Vittoria Colonna. L'innocenza, come aspirazione e salvezza. Uno spettacolo ispirato, terso, di forte comunicativa, che ci auguriamo possa essere ripreso.

"Sostakovic-Michelangelo", Suite sui versi di Michelangelo Buonarroti, op. 145 per baritono e pianoforte Quintetto in sol minore, op. 57. Al Teatro Nazionale di Roma per la stagione del Teatro dell'Opera.

RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio
L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER   
Effettua il login o avvia la registrazione.


 
   
 
 
 

-UltimiSezione-

-
-
7 maggio 2010
 
Aguilera ambasciatrice contro la fame
La consegna dei David di Donatello
Man Ray a Fotografia Europea
Elegante e brutale. Jean-Michel Basquiat alla Fondation Beyeler di Basilea
"World Press Photo 2010". Fotografie di autori vari
 
 
dal 10 al 13 Gennaio 2019
1 Bohemian Rhapsody 15293263   
2 Il Grinch 4533091   
3 Macchine mortali 747681   
4 Un piccolo favore 730153   
5 Il testimone invisibile 658767   
6 Se son rose 3823413   
7 Alpha: un'amicizia forte come la vita 975662   
8 La casa delle bambole 756232   
9 Animali fantastici: I crimini di Grindelwald 12678357   
10 Santiago, Italia 302834   
tutti i film nelle sale » tutti i dettagli »

Trovo Cinema

Scegli la provincia
Scegli la città
Scegli il film
Tutti i film
Scegli il cinema
Tutti i cinema
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-