ILSOLE24ORE.COM > Notizie Cultura e Tempo libero ARCHIVIO

Libri / Musicofilia di Oliver Sacks

di Giuseppe Ceretti

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
30 giugno 2008

"Sarà capitato anche a voi di avere una musica in testa, sentire una specie d'orchestra suonare, suonare" Con quel che segue. Se fossi un paziente o un amico del dottor Oliver Sacks, mi piacerebbe raccontargli che da quando ho letto la sua ultima fatica "Musicofilia" non riesco più a cancellare dalla mente un ritornello, tratto da uno show televisivo della giovinezza. Minuscola dimostrazione del riflesso condizionato di cui si trova ampia traccia nelle pagine del saggio.

Sacks, celebre neurologo, giunge a quest'opera dopo aver dedicato altri lavori all'interazione tra musica e funzioni cerebrali. In particolare con Risvegli, che risale al 1966, descrive gli effetti esercitati su pazienti gravemente parkinsoniani. "Da allora-confessa - più di quanto potessi immaginare la musica si è imposta di continuo alla mia attenzione, mostrandomi i suoi effetti su quasi ogni aspetto della vita".

Il suo approccio è chiaro: noi esseri umani, come specie, siamo creature musicali non meno che linguistiche. Siamo in grado di percepire l'altezza delle note, il timbro, l'ampiezza degli intervalli, l'armonia, il ritmo, servendoci di varie parti del cervello. A questa sensibilità strutturale, per lo più inconscia, aggiungiamo una reazione emozionale, talvolta intensa e profonda. Perciò l'intimità della musica, la capacità di far emergere, come scrisse Schopenhauer, i moti della nostra natura più profonda.

Di qui si dipana un lunghissimo racconto delle modalità con le quali la moderna neuroscienza indaga sui meccanismi indotti nelle attività cerebrali dalla musica. Da vent'anni le nuove tecnologie consentono di osservare il cervello umano mentre ascolta, immagina o compone. Ciò ha consentito di acquisire un corpus di informazioni preziose sempre da accompagnare all'osservazione clinica diretta.

L'indagine, o meglio l'esplorazione di funzioni e disfunzioni del cervello porta il lettore alla scoperta dei tormenti della musica, delle sue dimensioni (per esempio, la disarmonia o l'orecchio assoluto), del perché abbiamo due orecchie, del rapporto tra musica e cecità, persino tra musica e colore. Si scopre così la funzione essenziale che la musica ricopre nella terapia di malattie ad altissima diffusione, quali Parkinson o Alzheimer.

Le pagine di Sacks non raccontano prodigi. Ci sono anni di osservazioni, esperienze di altri colleghi e delle migliaia di persone che ogni giorno scrivono da tutto il mondo per raccontare le loro storie. Musicofilia le narra e analizza con il rigore dello scienziato e la passione dell'uomo per quelle note che "vengono dal cielo" come diceva Mozart.

La musica è un potenziale che si cela in ognuno di noi e come ogni linguaggio si esprime se viene sviluppato. Anche il talento dell'orecchio assoluto ovvero quella capacità di cogliere aroma e sensazioni di ogni tonalità, va coltivata altrimenti diventa un patrimonio sterile.

Sacks descrive casi emblematici, che conservano il rigore ma non la freddezza delle cartelle sanitarie. Tra i tanti casi significativi narrati vale la pena citarne uno, tra i più intensi e partecipati. E' la storia di Clive Wearing, insigne musicista e musicologo inglese che nel 1985, a 45 anni, venne colpito da una devastante infezione cerebrale , un'encefalite erpetica, che colpì le parti del cervello coinvolte nella memoria. Clive è in grado di cogliere la realtà che vede e ode, ma non é capace di trattenerla per più di un batter d'occhio. A ogni battito di ciglia le sue palpebre si aprono su un nuovo scenario e la visione precedente viene dimenticata. Una devastante amnesia retrograda c on la cancellazione pressoché totale del suo passato. La moglie Deborah, scopre tuttavia che le sua capacità musicali sono rimaste intatte: è in grado di leggere una partitura. Clive, che ha perso memoria di ogni esperienza precedente l'encefalite, ha conservato la sua capacità di leggere la musica, suonare pianoforte e organo, dirigere un coro, soccorso da un automatismo e da uno stimolo che dura finché dura l'esecuzione, ma che ha dato un senso alla sua esistenza.

Musicofilia è un libro per addetti ai lavori, ma ha il pregio di affascinare anche i profani e di farci entrare in un mondo che per lo più esploriamo con l'istinto.

Un brano di musica ci attira al suo interno, ci insegna la sua struttura e i suoi segreti, anche se non ne siamo consapevoli. Ascoltare la musica non è un processo passivo, ma intensamente attivo che comporta interferenze, ipotesi , aspettative. "Quando ricordiamo una melodia- riflette Sacks- essa suona nella nostra mente, ridiventa viva. Richiamiamo una nota alla volta e sebbene ogni mota riempia interamente la nostra coscienza, simultaneamente entra in rapporto con il tutto. E' come quando camminiamo o nuotiamo, lo facciamo compiendo un passo o una bracciata alla volta, eppure ogni passo e ogni bracciata é parte integrante di un tutto".

Oliver Sacks
Musicofilia
pagg. 419, 23 euro
Biblioteca Adelphi

RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio
L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER   
Effettua il login o avvia la registrazione.


 
   
 
 
 

-UltimiSezione-

-
-
7 maggio 2010
 
Aguilera ambasciatrice contro la fame
La consegna dei David di Donatello
Man Ray a Fotografia Europea
Elegante e brutale. Jean-Michel Basquiat alla Fondation Beyeler di Basilea
"World Press Photo 2010". Fotografie di autori vari
 
 
dal 16 al 19 Maggio 2019
1 Avengers: Endgame 26080441   
2 Stanlio & Ollio 1080432   
3 Ma cosa ci dice il cervello 4456932   
4 Attacco a Mumbai - Una vera storia di coraggio 584944   
5 Non sono un assassino 429496   
6 I fratelli Sisters 254536   
7 Wonder Park 1800630   
8 A spasso con Willy 854430   
9 La Llorona - Le lacrime del male 1839083   
10 Dumbo 11029322   
tutti i film nelle sale » tutti i dettagli »

Trovo Cinema

Scegli la provincia
Scegli la città
Scegli il film
Tutti i film
Scegli il cinema
Tutti i cinema
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-