ILSOLE24ORE.COM > Notizie Cultura e Tempo libero ARCHIVIO

Il dio bambino al Filodrammatici

di Elisabetta Dente

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
4 dicembre 2008
Galleria fotografica

Io e Cristiana. Seduto a un tavolino, sorseggiando del whisky o passeggiando su un tappeto di fiori – bianchi, rossi, viola – ben attento a non calpestarli, o sfiorando mille piccoli luci che illuminano la notte nella bella scena di Lorenza Gioberti, l'Io – un uomo, un ragazzo, un bambino: sarà il pubblico, di volta in volta, ad attribuirgli un'età – racconta in flash back, nel momento più solare o nella notte più buia – una storia d'amore che banale non può essere, anche se assomiglia moltissimo a quella di tante altre coppie, perché è la sua storia, quella di lui e di Cristiana. Cominciata – ma lei non lo sapeva ancora – da adolescenti, complice una canzone suonata assieme al pianoforte, quando il ritornello di Yellow Submarine scandiva il respiro di Cristiana, le sue pause nel canto, i suoi sorrisi. E la voglia di lui di vivere questo amore. Ma la timidezza, si sa, non è sempre motivo di fascino. E così questa storia d'amore potrà nascere qualche anno dopo, potrà crescere e diventare adulta, ma... Il racconto de Il dio bambino – spettacolo d'apertura della seconda edizione di «Milano per Giorgio Gaber» – prosegue, sempre dalla parte di lui, nell'interpretazione di Eugenio Allegri che, in questo «spettacolo impegnativo», si sente investito di una grande responsabilità, ridare voce, anima e corpo al protagonista di un testo profondo e lucido, com'è la scrittura di Gaber e Luporini, a un personaggio complesso che sa prendersi non troppo sul serio e commuoversi, che fa divertire e si diverte, ma è anche cinico e lucido.

È un uomo, man mano che gli anni passano e lo vediamo diventare padre, o è un Peter Pan con i capelli ingrigiti e l'ansia di conquistare allieve invitanti? Se lo chiede la moglie Cristiana e se lo chiedono anche i versi della canzoni di Gaber – parole prese a prestito da Un uomo e una donna o da Un'emozione o da Quando sarò capace d'amare, per citarne solo alcune –, interrogativi che Eugenio Allegri riesce a fare propri fino in fondo, con attenzione, con amorevolezza, con rispetto, sottolineando come questo testo, scritto venticinque anni fa e nel 1983 di bruciante attualità, sia ancora capace di far riflettere. Dopo le grandi prove di Novecento e di La storia di Cyrano, il monologo si addice più che mai a Eugenio Allegri, che qui vuole uscire dalla quotidianità che uccide per invitare tutti e tutte a guardarsi negli occhi. Sapiente nell'esplorare tutte le sfumature dei sentimenti fino all'affondo, quella complicità sofferta e dolorosa, ma totalmente partecipata con Cristiana nel momento della nascita del loro bambino. Qui forse scatta in lui l'esigenza di capire, inizia qui il tempo consigliabile che trasforma la supponenza in consapevolezza, che gli fa vedere quello che prima sapeva solo guardare. Ma come sarebbe la storia se a raccontarla fosse Cristiana?

«Il dio bambino», di Giorgio Gaber e Sandro Luporini, regia di Giorgio Gallione, al Teatro Filodrammatici di Milano fino al 14 dicembre; poi, in tournée fino al 2009.

RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio
L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER   
Effettua il login o avvia la registrazione.


 
   
 
 
 

-UltimiSezione-

-
-
7 maggio 2010
 
Aguilera ambasciatrice contro la fame
La consegna dei David di Donatello
Man Ray a Fotografia Europea
Elegante e brutale. Jean-Michel Basquiat alla Fondation Beyeler di Basilea
"World Press Photo 2010". Fotografie di autori vari
 
 
dal 13 al 16 Ottobre 2016
1 Pets - Vita da Animali 4579330   
2 Café Society 2518879   
3 Alla ricerca di Dory 14152078   
4 Bridget Jones's Baby 4999594   
5 Mine 597342   
6 La verità sta in cielo 589429   
7 Deepwater - Inferno sull'Oceano 537069   
8 Al posto tuo 992859   
9 Ben-Hur 836723   
10 I magnifici sette 1630774   
tutti i film nelle sale » tutti i dettagli »

Trovo Cinema

Scegli la provincia
Scegli la città
Scegli il film
Tutti i film
Scegli il cinema
Tutti i cinema
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-