MONDO

 
 
 
 
HOME DEL DOSSIER
La storia
La memoria
Gli eventi
MULTIMEDIA

9 novembre 1989, la libertÓ di un popolo oltre il Muro in una mostra fotografica a Torino

di Emanuele Bigi

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
9 OTTOBRE 2009
R÷hrbein, I cosiddetti "Mauerspechte" impegnati nell'abbattimento del Muro, Berlino, 11 novembre 1989 - ę R÷hrbein / Ullstein Bild / Archivi Alinari
PHOTOGALLERY
Guarda le immagini

Una muraglia di cemento lunga quaranta chilometri e alta quattro metri per quasi trent'anni ha diviso Berlino e la Germania, ha separato l'Occidente dall'Oriente, impedito a famiglie di guardare negli occhi i propri cari. Il 9 novembre 1989 il simbolo della Guerra Fredda e del Comunismo ha ceduto di fronte all'urlo del popolo, il cemento si Ŕ sgretolato alla pressione della libertÓ. A vent'anni da quella data la mostra fotografica Berlino: La libertÓ oltre il muro, promossa dalla Regione Piemonte e da Alinari 24ORE ne ripercorrere la storia attraverso ottanta immagini dell'agenzia fotografica Ullstein Bild e dell'archivio del quotidiano SŘddeutsche Zeitung. Restituiscono l'asfissia di una prigionia a cielo aperto e nello stesso tempo l'euforia di un momento storico reporter come Brigitte Hiss, Kurt Hamann, Joachim G. Jung, Gert Hilde, Peter Leibing, Klaus Lehnartz, Heinrich von der Becke, Hans Peter Stiebing, Ingo R÷hrbein e Bernd Wende. Si passa dalle foto del filo spinato che attraversava la cittÓ fino al 1961 (prima del muro) a quelle del cemento invalicabile che divideva "diciassette milioni di tedeschi murati vivi dalla pi¨ perseverante e immarcescibile dirigenza staliniana dell'est europeo", scrive Enzo Bettiza nel suo libro 1989-La fine del Novecento. Dalla serie di morti provocati dagli innumerevoli tentativi di fuga alle proteste contro l'edificazione del "nemico" non solo di un popolo, quello sguardo che sembra affranto di fronte all'emblema dell'ottusitÓ politica si rivitalizza quando riprende i murales colorati delle pareti occidentali realizzati negli anni Ottanta: la speranza di un cambiamento prende forma. Ecco allora aprirsi un varco, stargate reale di una nuova era attraverso cui si materializza il futuro alternativo di un paese; le due Germanie si ritrovano, si riscoprono, unite dal semplice abbraccio della gente comune. Il bianco e nero si alterna al colore, gli occhi spenti dei protagonisti di un decennio o un ventennio prima dell'evento tanto atteso lasciano spazio agli sguardi fieri di chi Ŕ finalmente dall'altra parte, di chi finalmente si ricongiunge alla famiglia lasciando alle spalle il ricordo del solo contatto visivo. Le immagini quasi vuote improvvisamente si affollano, diventano corali: la festa della liberazione ha inizio. Si tratta per lo pi¨ di un viaggio nella memoria, nello stesso tempo per˛ richiama fantasmi contemporanei, errori che ricalcano il passato, muri che si pensavano impossibili da erigere di nuovo e che invece trovano ancora fondamenta come quello che oggi divide gli israeliani dai palestinesi. Forse un giorno una mostra ricorderÓ un altro crollo.

Berlino: La libertÓ oltre il muro
Curatore: Uliano Lucas
Aperta fino al 9 novembre
Sala Bolaffi, via Cavour 17, Torino
martedý - domenica 10.00-19.00
info: 800 329 329
Ingresso gratuito
Apertura straordinaria lunedý 9 novembre
nel ventennale della caduta del muro

9 OTTOBRE 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA
RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio

L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER
Effettua il login o avvia la registrazione.
 
 
 
 
 
 
Cerca quotazione - Tempo Reale  
- Listino personale
- Portfolio
- Euribor
 
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-