Speciali in evidenza
Speciale Smau
Speciale ambiente
Speciale scuola
Speciale Auto
Un anno di rincari
Speciale mutui
Voli low cost
Speciale ETF
Studi di settore
Risparmio energetico
Auto & fisco
Navigatori GPS
Musica Mp3
Guida alle facoltà
Come risparmiare
XV Legislatura
shopping 24

Servizi

Il Sole Mobile

Servizi Ricerca

Sport

ARCHIVIO »

Bruno Bolchi, uno di noi

* Goal.com *

Soprannominato Maciste dai compagni per le sue possenti doti fisiche, incontriamo Bruno Bolchi, uno che ha scritto pagine di storia nerazzurra e che da anni continua a dedicarsi all’attività di talent scout: i giovani sono il suo pane, chiedetelo a Miccoli.   Salve Bolchi, partiamo dalla sua carriera di calciatore, 200 presenze in Serie A e 12 reti, che ricordo ha della sua prolifera attività sul campo? “Ho un ricordo ottimo, fare il calciatore è stato il mio sogno fin da bambino e sono riuscito a realizzarlo. Sono andato a Milano, all’Inter (squadra della quale ero tifoso, tra l’altro) a soli 14 anni, ed è stato il coronamento di un sogno”.   Quest’anno Mancini a nome della società le ha regalato una maglietta numero 54, ci racconta l’emozione che ha provato? “Io non sapevo niente, è stata una vera e propria sorpresa, anche per questo è stata un’emozione molto forte. In un momento in cui i sentimentalismi sono passati di moda, io credo ancora in certe cose, e questa sorpresa mi ha riempito di orgoglio. Vuol dire che un segno l’ho lasciato”.   Con la fascia di capitano nerazzurro lei è stato anche il primo ad essere “immortalato” su una figurina della Panini, un aneddoto molto curioso… “Si, è una cosa curiosa. Io poi mi sono fatto spiegare dalla Panini il tutto e mi hanno detto che loro avevano deciso di intraprendere quest’avventura e nel ‘61 io avevo 21 anni, ero capitano dell’Inter e pensavano che fossi il giocatore ideale per rappresentare queste figurine”.   Lo sa vero di essere croce e delizia di tantissimi collezionisti… “Sì, sinceramente anche la mia, visto che quella figurina non ce l’ho…”.   Il suo soprannome era Maciste, è vero che molti la invidiavano per il suo fisico possente? “Diciamo che era un fisico che per quegli anni era fuori dalla norma. In quegli anni si usciva dalla guerra e l’altezza media non era certo quella di oggi… così Gianni Brera mi mise questo soprannome che ancora oggi mi porto dietro!”.   Da allenatore si è tolto qualche soddisfazione come quella di aver scoperto e coltivato Fabrizio Miccoli all’epoca della Ternana, ci racconta qualcosa di lui, cosa la colpì? “Le soddisfazioni sono state in primis, le promozioni. Sei campionati con quattro promozioni. In questi anni ho lanciato poi molti giovani, non solo Miccoli, ma Massimo Ambrosini, Massimo Orlando, Sebastiano Rossi, Ruggero Rizzitelli e Lorenzo Minotti. Miccoli mi colpì per la sua tecnica e la sua velocità di esecuzione, incredibile”. Chi è secondo lei un giovane su cui puntare ad occhi chiusi? “Ce ne sono diversi al momento, però punterei con decisione su due ragazzi che ho visto giocare tantissime volte e che già militano nell’Under 21: Montolivo e Pazzini della Fiorentina, prevedo per loro un grande futuro”.   Come vede il prossimo campionato con le neopromosse Genoa e Napoli? “Dico che finalmente sta ritornando la Serie A vera, sono tornate Genoa, Napoli e Juve, tre grandi società, a mio avviso mancherebbe anche il Bologna, perché il calcio è fatto di grande passione, grande pubblico e grandi platee e queste piazze racchiudono al meglio queste tre qualità”.   La Juve secondo lei, riuscirà a tornare ai fasti cui è sempre stata abituata? “Sì, ma non subito. Ci vorrà qualche anno di rodaggio, non è facile ricostruire una squadra vincente”.Fonte Calcio 2000



 

Suggerimenti

>Info quotazioni

A richiesta, via sms, la quotazione istantanea e in tempo reale del titolo che ti interessa

>Flash news

Scarica il programma gratuito, e ricevi sul tuo desktop le ultimissime notizie di economia e finanza

News

champions

L'Inter (2-1a Mosca) brava e fortunata: ribalta il risultato e vince

auto

Rimandato il lancio della «Panda cinese» per la causa con la Fiat

expo 2015

Luci sui progetti che fanno bella Milano: l'omaggio agli ospiti di Expo 2015

anniversari

Novant'anni fa la battaglia di Caporetto, madre di tutte le batoste

computer

Asus: così il notebook diventa ultraleggero

prospettive

Il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca (Stefano Capra / Imagoeconomica)

Turismo a Roma, invia le tue domande per il forum di mercoledì

GIAPPONE

La palazzina del Progetto Sofie sottoposta all'esperimento anti-sismico

Terremoto del settimo grado della scala Richter, ma la casa in legno fatta nel Trentino resiste

iniziative

L'appello di Nòva24: il Governo rilancia sul 5 per mille

viaggi24

Singapore. Dove tutto è possibile
Viaggio in una delle capitali mondiali dello shopping e del commercio.

CASA24

Comprare casa senza agenzia
I consigli per risparmiare nell'acquisto della casa trattando direttamente tra privati

In Evidenza

CRIBIS.it
Informazioni per decidere con chi fare o non fare business, in Italia e nel mondo.

Il Sole 24 Ore FINANZA
Scopri l'offerta professionale di prodotti e servizi per chi opera sui mercati.

Concorsi ed esami
Visita la sezione concorsi ed esami, troverai un'aggiornata rassegna di concorsi e offerte di lavoro nel pubblico impiego

Le tue foto su Casa24
Un angolo accogliente, un mobile insolito, un ambiente particolare: inviaci le foto della tua casa, le più belle saranno pubblicate sul sito.

Intel: la tecnologia a misura di azienda
Intel risponde alle domande delle imprese.
Approfondimenti su sicurezza, mobility, gestione sistemi e risparmio energetico

Pubblicità