ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùIl caso

A 36 anni ancora senza laurea e il giudice blocca l’assegno di mantenimento

La giovane, che da grande voleva fare il medico, si è iscritta all'università all'età di 18 anni, ma 18 anni dopo non è ancora riuscita a coronare il suo sogno. E il padre si rifiutato di versarle la cifra mensile di 300 euro

di Redazione Scuola

Varese: insegnava da 21 anni con laurea falsa, sequestro beni per 350mila euro

2' di lettura

Se la figlia non studia e non si laurea, neppure a 36 anni, il padre (separato) non deve più corrisponderle l'assegno di mantenimento: si tratta del principio di “autoresponsabilità” che, nel caso in questione, la studentessa ultrafuoricorso ha evidentemente violato. È di questo avviso la giudice del Tribunale di Napoli Carla Hubler che, ribaltando un precedente verdetto, ha sospeso l'assegno. La storia, raccontata dal Corriere del Mezzogiorno, è simile a tante altre, ma l'epilogo no, perchè finora vi è una certa tendenza a conservare “comunque” l'assegno destinato ai figli maggiorenni che non lavorano. E' andata diversamente a un bancario in pensione di Portici che alcuni anni fa si è separato consensualmente dalla moglie, ex estetista.

La vicenda

La figlia, che da grande voleva fare il medico, si è iscritta all'università all'età di 18 anni, ma 18 anni dopo non è ancora riuscita a coronare il suo sogno. E il padre si è stufato di versarle l'assegno mensile: 300 euro. Il presidente del Tribunale, però, gli dà torto e conferma l'accordo sottoscritto al momento della separazione. Un altro giudice, quello del processo civile avviato con l'istanza di divorzio, accoglie invece le lamentele dell'ex bancario, che chiedeva di rivedere gli accordi stipulati in precedenza a proposito del mantenimento della figlia. E decide di sospendere l'assegno. «Tenuto conto - si legge nel provvedimento, pubblicato dal quotidiano - dell'età della figlia, del tempo trascorso dall'iscrizione all'università, dal tenore della documentazione sul percorso e sullo stato di avanzamento degli studi», va «sospeso l'assegno di contributo al mantenimento della figlia in ragione del principio di autoresponsabilità, atteso che è trascorso quantomeno il doppio del tempo previsto per il corso di laurea». Invano l'aspirante dottoressa ha cercato di dimostrare di essersi impegnata negli studi e che non è colpa sua se non si è ancora laureata, accampando anche questioni di salute. Il padre, che tempo fa le ha pure regalato un appartamento da circa 300 mila euro, ha invece sostenuto che non era affatto così: non solo non studiava, ma non si è mai nemmeno data da fare per cercare un qualche lavoro.

Loading...

Scuola, tutti gli approfondimenti

La newsletter di Scuola+

Professionisti, dirigenti, docenti e non docenti, amministratori pubblici, operatori ma anche studenti e le loro famiglie possono informarsi attraverso Scuola+, la newsletter settimanale de Il Sole 24 Ore che mette al centro del sistema d'istruzione i suoi reali fruitori. La ricevi, ogni lunedì nel tuo inbox. Ecco come abbonarsi

Le guide e i data base

Come scegliere l’Università e i master? Ecco le guide a disposizione degli abbonati a Scuola+ o a 24+. Qui la guida all’università con le lauree del futuro e il database con tutti i corsi di laura

Lo speciale ITS

Il viaggio del Sole 24 Ore negli Its per scoprire come intrecciare al meglio la formazione con le opportunità di lavoro nei distretti produttivi delle eccellenze del made in Italy. Tutti i servizi

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter Scuola+

La newsletter premium dedicata al mondo della scuola con approfondimenti normativi, analisi e guide operative

Abbonati