ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùG-20

A Bali riparte anche il dialogo finanziario tra Cina e Usa

Ce n'era bisogno: dopo l’incontro Xi-Biden, a ruota riprendono a parlarsi anche i vertici delle finanze di Usa e Cina per affrontare i dossier aperti e le sfide dietro l’angolo

di Rita Fatiguso

Usa-Cina, Xi Jinping: "Dobbiamo trovare il giusto corso delle relazioni"

2' di lettura

Il G-20 di Bali compie un altro miracolo: dopo mesi e mesi di politiche che più diverse non potrebbero mai essere il segretario al Tesoro Usa Janet Yellen e il Governatore della Banca popolare cinese, Yi Gang hanno ripreso a dialogare. Come precisa la nota del dipartimento americano ricalcata dalle righe stringate del sito della Banca centrale di Pechino, hanno discusso gli sviluppi macroeconomici e finanziari globali, comprese le sfide dei prezzi elevati e volatili dell’energia e delle materie prime, e hanno scambiato opinioni sulle prospettive macroeconomiche negli Stati Uniti e in Cina. Addirittura il segretario Yellen ha osservato che «attende con impazienza futuri impegni con la parte cinese».

Janet Yellen

Il riavvicinamento

La chiusura dell’era del presidente Donald Trump non ha comportato la fine delle politiche di contrasto alla Cina. Tra delisting e blacklisting di aziende cinesi, aumento vigoroso dei tassi di interesse da una parte mentre dall’altro capo dell’emisfero Pechino li limava per ridare fiato all’economia, a livello finanziario la guerra era totale con una forte spinta al decoupling.

Loading...

L’incontro a fine G-20 tra il governatore della Banca centrale cinese Yi Gang (che voci accreditate danno in uscita, ma che per il momento almeno rappresenta la politica “moderata” cinese) ha incontrato il segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen per colloqui “franchi” e di ampio respiro a margine del vertice del G20 a Bali.

Questa è stata la prima conversazione in persona della Yellen con un così alto funzionario economico cinese tra le persistenti tensioni tra Washington e Pechino.

Yi Gang

Un cammino spinoso

L'incontro segue quello storico di tre ore del presidente degli Stati Uniti Joe Biden con il leader cinese Xi Jinping, il primo tra i due dall'insediamento del successore di Donald Trump.

Molto ci sarà da fare nei prossimi mesi, sul fronte finanziario grane e dossier continuano ad accumularsi. Per la Cina un punto dolente è la black list delle aziende in odore di legami con la Difesa cinese e quindi la questione della sicurezza nazionale americana. Ma anche il tema delle quotazioni sui listini di Wall Street di aziende cinesi alla quale è stato trovato un rimedio temporaneo in agosto quando i due Paesi si sono accordati sulle regole dell’audit.

Yellen e Yi a Bali hanno rotto il ghiaccio trattando questioni come gli alti prezzi dell’energia e delle materie prime, nonché le prospettive macroeconomiche in entrambi i Paesi, ha affermato il dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti. L'incontro, durato due ore, ha avuto un tono franco, costruttivo e positivo. Nel contesto delle sfide globali, il segretario Yellen e il governatore Yi hanno anche discusso delle questioni del G20 ma anche il tema estremamente attuale e cioè la gestione del Covid-19 in Cina.

Bisogna facilitare il blocco del Covid-19 che ne ha ridotto la crescita e limitato le catene di approvvigionamento, ma anche la grana della bolla immobiliare scoppiata a spese degli investitori sia in Cina sia all'estero.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti