focus città

A Bari aumenta il numero di acquirenti in cerca di case nuove

di Cristina Giua


default onloading pic

2' di lettura

Uno scenario abitativo in fase di transizione, come fa notare Francesco Gervasi Re/Max, parlando di Bari: «Da gennaio ad oggi registriamo un incremento dei contatti in entrata di circa il 22%, un dato positivo, ma leggermente in flessione rispetto all'incremento registrato nello stesso periodo del 2018 (+28%). Di contro la qualità dei contatti è maggiore, nel senso che gli acquirenti hanno le carte in regola per effettuare un acquisto, a condizione certo che l’immobile sia a prezzo adeguato».

Prosegue il successo delle soluzioni piccole, come mono, bivani e trivani di dimensioni contenute, dove la domanda d'acquisto è piuttosto uniforme in tutte le zone della città, con una marcia in più per quelle centrali. Quanto ai prezzi, partendo dai bivani è possibile trovare soluzioni in un price-range dai 120-190 mila euro e per i trivani da 170-280 mila: in questa forbice si può comprare in zone residenziali blasonate, come Poggiofranco o San Pasquale, oltre che in centro. Da segnalare anche il buon riscontro per le miniville luxury, in una fascia di prezzo che va da 170-180 mila euro.

Andamento della domanda e dell'offerta immobiliare per quartiere e prezzi medi (in euro) al mq per tipologia di abitazione - GLI AFFITTI Canoni medi indicativi di locazione nelle diverse zone della città per un bilocale (dai 60 ai 70 mq) e per un trilocale (dagli 80 ai 90 mq)
GLI INDICATORI DELLE TRATTATIVE I tempi medi di vendite delle abitazioni e il differenziale di prezzo tra richiesta iniziale e corrispettivo finale degli anni
I TREND Indicazioni degli operatori sull'andamento del mercato nei prossimi 12 mesi

Le fasi di trattative si confermano più rapide: passati i semestri peggiori - quelli tra il 2014 e il 2015 - dove in periferia le vendite si concludevano in tempi record in negativo di 10 mesi, oggi lo stesso indicatore è sceso in media a 7 mesi, con il centro città già a quota 6 mesi. A questi dati va poi aggiunto l'indicatore che segna la trattativa tra prezzo a cui viene pubblicizzato l'immobile e quello di realizzo, dove lo “sconto” è sceso al 17,5 per cento.

L’acquisto si conclude grazie all'accesso al credito bancario: in base ai dati registrati negli ultimi 6 mesi da Facile.it, il valore medio degli immobili comprati con mutuo in città è salito a 202.376 euro (contro i 191.185 euro registrati dalla stessa rilevazione eseguita ad aprile 2018).
A fronte di tale cifra, l'importo medio chiesto in forma di finanziamento è salito, nel giro di circa un anno, da 122.230 euro a 126.747 euro, per un importo medio effettivamente concesso passato da 118.553 a 122.897 euro euro.

Da segnalare, inoltre, una mappa cittadina in evoluzione dal punto di vista dello sviluppo immobiliare, dove è ancora Francesco Gervasi a guidarci: «Tra le zone interessate da nuovi progetti ci sono Poggiofranco; la zona di Carrassi, in particolare Corso Alcide De Gasperi, in cui si stanno demolendo vecchi edifici per realizzare nuove ville di taglio medio, oppure piccoli condomini di prestigio e infine la zona di San Pasquale Alta, che oggi propone un sviluppi in classe energetica A».

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...