FORMAZIONE

A Bari l’academy entra in azienda

di Luca Orlando


default onloading pic

2' di lettura

Nove ragazze e 11 ragazzi. Sono i primi destinatari del progetto di Baker Hughes a Bari, multinazionale dell’energia che ha avviato una propria academy per la diffusione di competenze specialistiche per l'industria sul territorio.

Lo schema è quello dell’apprendistato di primo livello, volto alla formazione e all'inserimento professionale di 20 neodiplomati e neolaureati del territorio, progetto realizzato in collaborazione con Adecco e IFOA.

La Baker Hughes Academy è garantita da un contratto di apprendistato di I° livello tramite Adecco, e vedrà alternarsi periodi di formazione in aula ( 300 ore, a cura di docenti IFOA, manager e tecnici di Baker Hughes, in collaborazione con il Politecnico di Bari e l'IIS “Marconi-Hack”) ad un training sul campo, 600 ore presso lo stabilimento Nuovo Pignone di Bari.

I percorsi di formazione all'interno della Baker Hughes Academy sono principalmente due: il primo, rivolto ai giovani con diploma di istruzione secondaria superiore, preferibilmente ad indirizzo tecnico (meccanico, industriale, professionale, nautico, scientifico), prevede l'acquisizione di competenze teoriche e pratiche come tecnici e operatori di produzione: operatori di macchine utensili, addetti al montaggio meccanico, collaudatori.

Il secondo è rivolto invece ai neolaureati di primo livello in ingegneria (meccanica, elettrica, elettronica, gestionale, automazione) e porta ad un percorso impiegatizio, con l’obiettivo di formare progettisti e ingegneri industriali.

I ragazzi, affiancati da un tutor per l’intero percorso formativo, riceveranno al termine del progetto un titolo di specializzazione riconosciuto dalla Regione Puglia in “Tecniche di industrializzazione del prodotto e del processo”.

«Oggi - commenta Enrico Mangialardo, Direttore Divisione Pompe & Valvole di Baker Hughes - insieme ad una rosa di partner di eccellenza, presentiamo un nuovo progetto formativo, che ha l'obiettivo di far crescere le figure professionali immediatamente spendibili nel mondo del lavoro. L'obiettivo e l'auspicio è che un programma di questo tipo sviluppato a Bari, nel Mezzogiorno, possa contribuire a sviluppare know-how di eccellenza e impatti positivi, investendo risorse consistenti in un territorio dove siamo presenti con successo da molti anni».

«Investire nel capitale umano - ha dichiarato Alberto Matucci, Vicepresidente Equipment & Projects TPS Baker Hughes - specialmente se radicato nel territorio, è una priorità per un'azienda solida come Baker Hughes. Pensiamo che per essere competitivi sul mercato globale e continuare ad innovare la strada da seguire sia mantenere le persone e le loro competenze al centro, favorendo al contempo la diversità e l'inclusione, come questo progetto ben racconta».

Il sito di Bari, 270 dipendenti, è il più grande insediamento di Baker Hughes in Italia fuori dalla Toscana e dal 2005 è centro di eccellenza globale del gruppo per la produzione di pompe centrifughe, valvole e sistemi di trattamento gas.

Le applicazioni spaziano dall'oil & gas al petrolchimico, fino ad arrivare ai fertilizzanti e al trasporto di acqua. Dal 2014 ad oggi, nello stabilimento sono stati investiti oltre 25 milioni di euro.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...