RECUPERI IMMOBILIARI

A Cefalù riapre il Club Med con un progetto architettonico innovativo

di Paola Pierotti

default onloading pic


2' di lettura

Sono passati dieci anni dal progetto e otto dall'avvio dell'operazione, e Cefalù ha riaperto quest'anno il suo Club Med. Con un'operazione da 90 milioni di euro di quadro economico e 63 milioni di costo di costruzione, il gruppo turistico controllato oggi dalla cinese Fosun ha inaugurato dopo dieci anni di stop lo storico villaggio che sarà il primo cinque tridenti del Mediterraneo.

Dall'estate 2018, nella costa Nord della Sicilia, c'è una nuova proposta con 128 bungalow e 184 camere, tra suite e deluxe. Il progetto architettonico è firmato dallo studio romano King Roselli Architetti che da una decina d'anni è impegnato al fianco del committente, per convertire la struttura che era stata inaugurata nel 1957. Da villaggio di capanne a resort di lusso aperto 10 mesi all'anno.

“Una lunga attività che ha portato alla trasformazione dei precedenti 550 bungalow, in un'area complessiva di 16 ettari – racconta Riccardo Roselli, socio dello studio - nel rispetto delle regolamentazioni urbanistiche, garantendo la tutela e la valorizzazione del Palazzo storico, simbolo del Club e integrando le costruzioni nel paesaggio della macchia mediterranea”.

A Cefalù riapre il Club Med

A Cefalù riapre il Club Med

Photogallery20 foto

Visualizza

Il progetto ha portato alla ristrutturazione di edifici esistenti, della zona con la piscina, del bar e dell'edificio del ‘700 di Punta Santa Lucia. “I nuovi bungalow sono stati sostituiti a quelli esistenti optando per costruzioni in legno di larice e, nella zona verso monte sono state realizzate le nuove case in muratura a secco. Architettura attenta al risparmio energetico – racconta Roselli – immaginando un progetto che in un paio d'anni sarà completamente inserito nel paesaggio naturale”. Le coperture verdi e la scelta dei materiali presi dalle vicine cave contribuiscono all'effetto mimesi. “Dall'alto, una volta cresciuta la vegetazione – spiega l'architetto – si percepirà soltanto l'elemento sinusoidale dei muri che piegandosi, accolgono le nuove stanze dell'albergo”.

Il resort di Cefalù, a un'ora dall'aeroporto di Palermo e all'interno del parco delle Madonie, geoparco mondiale dell'Unesco, sarà il luogo ideale per potere conoscere gli angoli più belli di Sicilia e delle isole Eolie. Il Club Med di Cefalù può ospiterà circa 600 persone e le camere, con l'interior design firmato dallo studio francese di Sophie Jacqmin sono quasi tutte affacciate sul mare. Il complesso dispone di tre ristoranti e un menu firmato dallo chef stellato Andrea Berton. I bar saranno quattro, due le piscine.

Il Club Med Cefalù nei mesi scorsi si è aggiudicato l'Hospitality Award 2018, assegnato il 16 aprile alla IX edizione di Tourism Investment (Lambrate Design District di Milano). Il riconoscimento si riferisce alla categoria “Project regeneration”, che premia le realtà turistiche che si sono distinte per la strategia di sviluppo, in termini di investimenti e gestione, e per la riqualificazione e il rilancio di strutture ricettive in Italia e nell'area del Mediterraneo.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...