ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùSea

A Linate e Malpensa 2,9 milioni di passeggeri «Recuperato il 90% del traffico pre Covid»

di Sara Monaci

3' di lettura

L’estate 2022 potrebbe migliorare i conti della Sea, la società aeroportuale di Linate e Malpensa che durante la pandemia ha avuto bilanci in rosso. Il ritorno dei turisti su Milano e Lombardia fanno ben sperare.

Per ora non ci sono dati certi, ma proiezioni e aspettative, che indicano un generale miglioramento e un ritorno dei passeggeri dall’estero. Il sistema di Linate e Malpensa nel suo complesso ha avuto a giugno 2,9 milioni di passeggeri, tra arrivi e partenze, mentre i primi 5 giorni di luglio 500mila passeggeri hanno utilizzato gli aeroporti di Milano.

Loading...

Al momento è stato recuparato il 90% del traffico dei livelli pre Covid, in linea con quello che le ricerche dicono del sistema turistico regionale. Non ci sono certezze per l’estate, e ancora meno per l’autunno, però è evidente che si sta lentamente tornando ai livelli del 2019.

Tra le mete preferite ci sono sempre le isole italiane, a seguire Spagna, Grecia, e Canarie, ma si registra anche un forte incremento dell’America, che in questi due anni è stata chiusa.

Per quanto riguarda il bilancio, nel 2021 si è iniziato a vedere una prima inversione di tendenza. Nell’esercizio 2021 Sea ha servito 13,9 milioni di passeggeri, in aumento del 46,9% rispetto all’esercizio precedente. L’esercizio 2021, seppur ancora caratterizzato dalla pandemia Covid-19, ha mostrato segnali di lieve ripresa, favoriti dalle campagne vaccinali che hanno permesso un allentamento delle restrizioni agli spostamenti.

L’aviazione commerciale ha registrato una ripresa: rispetto al 2020, la crescita annua dei movimenti nel 2021 è stata pari al +34,5% (dato che include anche l’attività cargo) mentre quella dei passeggeri +46,8% (+4,4 milioni). Il load factor è risultato pari al 63%, in crescita di 5 punti percentuali rispetto al 2020.

L’aeroporto di Malpensa ha gestito 9,6 milioni di passeggeri (pari al 33,3% rispetto all'esercizio 2019), in crescita del +32,9% rispetto al 2020; l’aeroporto di Linate ha, invece, servito 4,3 milioni di passeggeri (pari al 66% del traffico operato nel 2019 – anno nel quale il terminal è stato inattivo per 3 mesi), in crescita del 91,3% rispetto al 2020.

L’aviazione generale, attraverso gli scali di Linate Prime e Malpensa Prime, ha gestito complessivamente 27.253 movimenti nel 2021, in crescita del 74,1% rispetto all’anno precedente, in incremento anche rispetto all’esercizio 2019 del +11,2%.

Il comparto cargo ha fatto registrare risultati record, superiori anche al 2019, con 743 mila tonnellate di merce trasportata (+45,1%). Il risultato conferma il ruolo della Cargo City di Malpensa come primario polo per gli scambi di merci in import ed export a livello nazionale, nonché come base logistica dell’operatore Dhl.

Nell’esercizio 2021 i ricavi della gestione pari a 325 milioni di euro hanno evidenziato un aumento del 31,9% (+78,7 milioni rispetto all’esercizio 2020).

La performance positiva è riconducibile alla ripresa del traffico registrata dal mese di giugno. I ricavi del primo semestre 2021 sono risultati in riduzione (-23,1%) rispetto a quelli del precedente esercizio, mentre nel secondo semestre hanno registrato un significativo incremento (+98,7%).

L’incremento dei ricavi di gestione riguarda tutti i settori di business. I ricavi aviation hanno registrato un incremento di 50,9 milioni di euro, i ricavi non aviation un incremento di 24,8 milioni di euro e i ricavi general aviation di 3,0 milioni di euro. I costi di gestione sono stati pari a 295,7 milioni, risultano in incremento di 15,8 milioni rispetto al precedente esercizio, principalmente per effetto dei maggiori costi variabili connessi ai volumi di traffico e all’incremento dei costi energetici verificatosi nel secondo semestre dell’anno.

L’Ebitda è positivo per 31,7 milioni e si confronta con il valore negativo di 31,1 milioni di euro del precedente esercizio. L’Ebit è negativo per 80,8 milioni, rispetto a un valore negativo di 134,8 milioni di euro del 2020. Il risultato netto è negativo per 75,1 milioni.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti