ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùmedia

A Mediaset il 9,6% della Tv tedesca Prosiebensat.1

di Andrea Biondi


Mediaset, Marina Berlusconi: ok alleanze in Europa per competere

3' di lettura

L’operazione ora è nero su bianco. Mediaset ha acquistato il 9,6% del capitale sociale del broadcaster tedesco Prosiebensat.1 Media, corrispondente a diritti di voto fino al 9,9% del capitale votante, escludendo le azioni proprie. E così il gruppo di Cologno diventa secondo azionista con una partecipazione quantificabile in 350 milioni ai valori di martedì 28 maggio. «I rapporti tra i due Gruppi - si legge nella nota di Cologno - sono già proficui e operativi: Mediaset Italia e Mediaset España sono da tempo alleate con Prosiebensat.1 in European Media Alliance (Ema), un’intesa che mira a sviluppare economie di scala indispensabili».

GUARDA IL VIDEO. Mediaset, ok di Marina Berlusconi ad alleanze all’estero

Alla fine, dopo indiscrezioni andate avanti per mesi - ultima la smentita da entrambe le parti proprio al Sole 24 Ore che aveva riportato dell’avanzamento delle trattative - l’operazione di espansione internazionale del gruppo Mediaset ha avuto il suo epilogo. Per il quale si è arrivati alla modalità dell’acquisto di quote dalla public company tedesca e non di un’operazione alla pari. «L’ingresso amichevole in ProSiebenSat.1 è una scelta di lungo periodo per creare valore in una logica sempre più internazionale - ha commentato Pier Silvio Berlusconi, amministratore delegato Mediaset - e rafforza i nostri rapporti industriali. Mediaset investe con orgoglio nel futuro della Tv free europea. E proprio pensando al futuro, l’ingresso anche nell’azionariato di Prosiebensat.1 è una dimostrazione concreta di stima da parte del Gruppo Mediaset per l’attuale management».

Dall’altra parte, spiega il vicepresidente e ad Mediaset, a spinger verso un’operazione così è «il veloce processo di globalizzazione che condiziona lo scenario internazionale» e vede «noi operatori media europei nella necessità di unire le forze per continuare a competere o anche solo resistere in termini di identità culturale europea a eventuali ingressi ostili dei giganti globali. È con questo spirito di collaborazione e visione comune che Mediaset, società leader in Italia e Spagna, ha investito in ProSiebenSat.1. Un investimento che, ne siamo certi, creerà valore tangibile per entrambi i gruppi».

Prosiebensat.1 Media è uno dei più grandi gruppi televisivi in Europa con posizione di leadership in Germania, Austria e Svizzera. Ha un azionariato diffuso ed è quotato alla Borsa di Francoforte. È chiaro che a spingere verso un futuro accordo c’è un mercato mondiale che è negli ultimi anni ha visto la nascita di colossi – Disney-Fox, Comcast-Sky – e la decisa virata verso l’ondemand (da Netflix ad Amazon Prime Video a Hulu all’appena nata Disney+ l’elenco è lungo). In Germania, come riportato in un report di BofA, le sottoscrizioni a Netflix e Amazon sono cresciute del 30% nel 2018 poco sotto i 15 milioni, con un mercato dell’advertising Tv che invece è atteso calare del 20% fino al 2025. Il giro d’affari di ProsiebenSat1, con i suoi 4 miliardi di ricavi, per il 57% deriva da adv. Anche per Mediaset, che comunque pesa per il 57% sulla torta dell’adv tv in Italia, il tema si pone.

«L’investimento annunciato in data odierna - aggiunge la nota di Cologno Monzese - non avrà alcun effetto sulle valutazioni che il consiglio di amministrazione di Mediaset, previsto il prossimo 25 luglio, dovrà effettuare in merito alla proposta di distribuzione di dividendi che dovrà essere sottoposta a un’eventuale nuova Assemblea degli azionisti».

Dichiarazioni amichevoli da parte di Max Conze, ceo di ProSiebenSat.1: «Accogliamo con favore l’investimento del gruppo Mediaset e lo consideriamo un voto di fiducia nella nostra strategia e nel team».

Riproduzione riservata ©
Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...