milano bike festival

A Milano una settimana a portata di due ruote


default onloading pic

2' di lettura

Pe r una settimana le biciclette a Milano rubano la scena ad automobili e motorini. O almeno ci provano. Da gite fuori porta a corsi di ciclomeccanica, dall’accompagnamento a scuola ad apertivi a due ruote , p resentazioni di libri e mostre fotografiche, quella che Enzo Ferrari stesso ha definito come la “macchina perfetta” diventa protagonista della scena urbana.

La due ruote sono al centro della seconda edizione di Milano Bike City, il festival diffuso che dal 14 al 22 settembre porterà un cartellone di oltre cento eventi proposti da operatori, associazioni e aziende impegnate nella mobilità sostenibile, in luoghi diversi del capoluogo lombardo. Il festival mira a mettere in discussione l’assunto che il cittadino debba spostarsi ogni giorno nei diversi spazi all’interno della città necessariamente in macchina: e lo fa proponendo itinerari e percorsi alla scoperta dei luoghi d’arte, momenti di riflessione sulla mobilità sostenibile, silent music tour, presentazione di libri, aperitivi a tema, eventi per famiglie, film e molto altro.

Milano Bike City coincide con la European Mobility Week, la settimana europea che ogni anno promuove le buone pratiche nel campo della mobilità. Molte le attività in programma, dalla campagna Bike-to-work, che incentiva l’utilizzo della bicicletta per gli spostamenti casa-lavoro, alla Carfreeweek, che invita i cittadini all’utilizzo della bicicletta e dei mezzi pubblici, non utilizzando l’auto per un’intera settimana.

Si tratta di un modello che sta prendendo piede in tutta Italia con l’adesione di Bologna (Bologna Bike City si è tenuto a maggio-giugno) e Padova Bike City, dal 16 al 22 settembre, con la stessa formula basata su eventi dal basso protagonisti nelle città.

«In un momento storico in cui la questione ambientale si impone con urgenza, celebrare il mondo delle due ruote e lo stile di vita sostenibile che questo rappresenta è fondamentale - ha dichiarato il sindaco di Milano Giuseppe Sala -. La bicicletta è il mezzo ecologico per eccellenza, senza il quale non è possibile progettare una città davvero contemporanea. Bisogna avere una visione basata su soluzioni integrate e moderne mettendo insieme le forze di tutti: abbiamo l’ambizione di dire che se sarà possibile realizzare un modello di questo genere lo potrà fare soloMilano, che mira a essere sempre più verde, vivibile e accogliente incentivando comportamenti virtuosi e buone pratiche”.

In questa chiave il Comune ha ampliato di altre 600 biciclette la flotta del bike sharing, allargando il servizio verso le aree periferiche soprattutto nell’area meridionale. Già oggi il servizio tradizionale unito al free floating copre oltre 18mila viaggi al giorno. In più salgono a mille i posti a disposizioni delle biciclette in sei velostazioni nei punti di interscambio.

Le attività culmineranno domenica 22 con la Deejay100, la medio fondo di ciclismo sulla distanza dei 100 chilometri, su un percorso sfidante studiato per essere alla portata di tutti.

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...