settenote

A Napoli Musica sotto le Stelle nella Villa Pignatelli

Al via Musica con Vista: si comincia da Cernobbio e Milano

di Angelo Curtolo

default onloading pic

Al via Musica con Vista: si comincia da Cernobbio e Milano


2' di lettura

La normativa consente spettacoli all'aperto fino a 1.000 persone: e il Parco della Musica di Roma coglie l'occasione con la sua Cavea all'aperto, per un cartellone Auditorium Reloaded con concerti e spettacoli fino a settembre. Ma anche i giardini italiani preziosi sono un luogo ideale – e quindi al via Musica con Vista, partendo da Cernobbio e Milano; e Musica sotto le Stelle, nella napoletana Villa Pignatelli.


Roma

Il 12 nella Cavea del Parco della Musica, per il cartellone estivo Auditorium Reloaded, ecco la band Le Vibrazioni, all'avvio del Summer Tour. In vent'anni di attività Le Vibrazioni si sono imposti nella scena pop rock italiana con i loro 5 album, con più di un milione di copie vendute. Tutti i loro ultimi 6 singoli, da Così sbagliato del 2018, a Dov'è con il quale si sono classificati quarti a Sanremo, hanno conquistato le classifiche radiofoniche.Le Vibrazioni sono stati tra i protagonisti dell'edizione speciale del Concerto del Primo Maggio, suonando dal Fabrique di Milano.

Cernobbio (CO)

6 nei giardini di Villa Bernasconi il Nerida Quartet apre il Festival Musica con Vista, realizzato da otto importanti società concertistiche, sedici concerti all'aperto nei giardini d'Italia, fino a settembre.

L'8 a Villa Necchi Campiglio a Milano lo zArt Quartett, con visita della villa e bistrot aperto.

Napoli

Il 7 nei Giardini di Villa Pignatelli www.associazionescarlatti.it Cinematografo Viviani, canzoni e film, bella occasione di conoscere meglio il grande autore, aprendo la rassegna Musica sotto le Stelle, che prosegue fino all'11 settembre. Vediamo due film, Scarpetta e l'americana (1908) con Vincenzo Scarpetta; e Un amore selvaggio (1912), con Raffaele Viviani e Luisella Viviani, e le musiche originali dello stesso Viviani e Michele Signore. Le sonorizzazioni di questi due film muti sono affidate a Antonella Monetti, voce e fisarmonica, e Michele Signore, violino, mandolino e mandoloncello. Il 10 scopriamo la musica del seicentesco Benedetto Ferrari, con Antonio Florio e il suo ensemble.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti