settenote

A Perugia quattro giorni a tutto Jazz

All'aperto l'estate milanese al Castello Sforzesco, con le avventure di Pax Side of the Moon

di Angelo Curtolo

default onloading pic

All'aperto l'estate milanese al Castello Sforzesco, con le avventure di Pax Side of the Moon


2' di lettura

I Festival sono stati decimati in tutta Europa: però a Perugia quelli di Umbria Jazz riescono lo stesso a offrirci una quattro-giorni tutta italiana; e a Locorotondo, dopo timori di cancellazione definitiva, il Festival c'è, trovando tutti i possibili spazi all'aperto. All'aperto è anche l'estate milanese al Castello Sforzesco, con le avventure di Pax Side of the Moon.

Locorotondo (BA)

Dal 7 al 15 la 16a edizione del Festival: apre Niccolò Fabi al Parco Archeologico di Egnazia, a Savelletri di Fasano, in trio con Roberto Angelini e Pier Cortese; sabato 8 Vinicio Capossela con lo spettacolo Pandemonium. Il 15 la festa conclusiva si svolgerà nella Masseria Ferragnano con i dj di Napoli Segreta. E poi headliner come Calibro 35, Venerus, Michael League e Bill Laurance (Snarky Puppy), Fatoumata Diawara, Ghemon, Colapesce Dimartino, The Comet is Coming, Lorenzo Senni, Khalab.

Milano

Il 7 al Castello Sforzesco,per l'Estate Sforzesca che prosegue con appuntamenti quotidiani fino al 4 settembre, Il classico concerto rock: The Pax Side of the Moon vs. Le Cameriste Ambrosiane. Un “leggiadro” ensemble d'archi femminile (proveniente dalle fila dell'Orchestra Milano Classica) e gli sporchi eredi di Elio e le Storie Tese, “bloccati sullo stesso palco a causa di un errore di programmazione. L'esito di questo incontro/scontro sarà inedito e imprevedibile. La direzione declina ogni responsabilità”.

Perugia

Jazz in August. Saltata Umbria Jazz , si è riusciti comunque a presentare quattro serate, dal 7 al 10, tutte con i grandi jazzisti italiani. Concerti in piazza IV Novembre, cuore della vita civile e religiosa della città (vi affacciano il Palazzo dei Priori e la Cattedrale di San Lorenzo, idealmente collegate dalla Fontana Maggiore); è anche il cuore di Umbria Jazz. Qui il palco è stato sempre presente, fin dalla prima edizione del 1973. La storia di Umbria Jazz è passata per la piazza. Apre la voce di Greta Panettieri; l'8 arriva Stefano Bollani, con le nuove Piano Variations on Jesus Christ Superstar. Come il musical, Bollani ha una qualità da prestigiatore, giocosa e vibrante e mai contenuta o prefissata. Sia la musica che il musicista fanno scelte contro-intuitive e usano la sorpresa come fonte di diletto.


Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti