AVANGUARDIA DELLA CRESCITA

A Pesaro quarta tappa del Roadshow Audi-Confidustria sulle Pmi

Crescita, internazionalizzazione, sostenibilità: su questi temi si confronteranno il presidente della Piccola Industria Carlo Robiglio, Fabrizio Longo, direttore di Audi Italia, Diego Mingarelli, vicepresidente Entrepreneurship & SME Committee Business Europe, e Fabiana Scavolini, amministratore delegato del Gruppo omonimo

di Michele Romano


default onloading pic
(Fotolia)

2' di lettura

L’industria manifatturiera si conferma, in prospettiva di medio termine, il motore dell’economia delle Marche, come confermano il numero degli addetti sul totale degli occupati (il 33%, il miglior dato tra le regioni italiane), il contributo del settore al Pil regionale passato dal 22,3% del 2011 al 24,5% del 2017, la crescita dell’export (+3,6% contro il +2,7% della media nazionale nel primo semestre 2019) e la presenza di oltre 6.600 operatori marchigiani sui mercati esteri (ottava regione in Italia). Una vivacità forse anche “inattesa”, come ha sottolineato la Fondazione Merloni, dopo dieci anni in cui si sono succeduti tre eventi pesantissimi: alle conseguenze della crisi economica più lunga dal dopoguerra si è aggiunto l’impatto del sisma, che tra 2016 e 2017 ha investito circa un terzo del territorio, e la riorganizzazione del sistema creditizio regionale a seguito del fallimento di Banca Marche.

La difficoltà delle Marche
Per tutte queste ragioni, il tessuto economico marchigiano sta ancora affrontando un profondo processo di riconversione produttiva e un percorso di ricostruzione avviati in presenza di un quadro economico ancora debole, con livelli di crescita inferiori a quelli della media nazionale e una divaricazione marcata fra imprese dinamiche e competitive con ottime performance ed imprese e settori ancora in difficoltà. L’ultimo aggiornamento congiunturale di Bankitalia parla di un’attività manifatturiera che “ha ristagnato nel primi 9 mesi del 2019”, nonostante la fase espansiva della meccanica e la ripresa dell’edilizia (ma il livello della produzione resta molto al di sotto di quello pre-crisi, ndr.); pesa piuttosto il quinto anno consecutivo con il segno meno registrato dal comparto della calzatura, che insieme a quello della pelle è uno dei settori di alta specializzazione delle Marche (insieme a meccanica e arredamento) e rappresenta il 18,4% delle unità locali manifatturiere e il 16,2% dell’occupazione.

Gli scenari futuri
In questo contesto si inserisce la tappa di mercoledì 20 (ore 16.45) del Roadshow “Piccola Industria avanguardia di crescita”, in programma presso la sede della Scavolini a Montelabbate, in provincia di Pesaro, occasione per parlare di mercati esteri, sostenibilità, filiere tecnologiche e trasformazione del prodotto, con Fabrizio Longo, direttore di Audi Italia, Carlo Robiglio, presidente della Piccola Industria di Confindustria, Diego Mingarelli, vicepresidente Entrepreneurship & SME Committee Business Europe, e Fabiana Scavolini, amministratore delegato del Gruppo omonimo. Una tappa che segue le precedenti di Ivrea, Turi (Bari) e Brescia.

Gli obiettivi dell’industria
«Sarà occasione per uno scambio di esperienze, per la condivisione di conoscenze e per una contaminazione tra imprenditori – ha anticipato Gianni Tardini, presidente della Piccola Industria di Confindustria Marche –. Sono certo che emergeranno idee utili a rinnovare i nostri paradigmi e che ci aiuteranno a realizzare una nuova visione della nostra industria, così da contribuire in modo concreto alla crescita delle nostre imprese e del sistema Marche».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...