AnalisiL'analisi si basa sulla cronaca che sfrutta l'esperienza e la competenza specifica dell'autore per spiegare i fatti, a volte interpretando e traendo conclusioni al servizio dei lettori. Può includere previsioni di possibili evoluzioni di eventi sulla base dell'esperienza.Scopri di piùborsa

Piazza Affari, lunedì con stacco cedole per 5 big: ecco quanto peserà

Distribuiscono i dividendi Terna, Poste, Tenaris, Recordati, Mediobanca, Banca Mediolanum, Coima Res e Danieli. Per la maggior parte di esse si tratta di un acconto sulla remunerazione per gli azionisti riferita al bilancio 2019

di Cheo Condina

default onloading pic
(13705)

2' di lettura

Lunedì 18 novembre è giornata di stacco cedole a Piazza Affari con protagoniste alcune delle principali società del listino, alcune classico target d’investimento dei cosiddetti «cassettisti» come Terna o Poste Italiane. Nel dettaglio, lo stacco dei dividendi (in particolare dell’acconto classico di novembre) peserà sul listino principale, ovvero l’Ftse Mib, dello 0,18% e sull’All Share dello 0,17%.

In tutto sono otto le società coinvolte: cinque dell’Ftse Mib e tre dell’All Share. Tra le prime figurano Terna (0,0842 euro), Tenaris (0,13 dollari), Recordati (0,48 euro), Poste Italiane (0,154 euro) e Mediobanca (0,47 euro che invece rappresentano l’intero dividendo relativo all'esercizio chiuso al 30 giugno). Per l’All Share, invece, ci saranno Banca Mediolanum (0,21 euro), Coima Res (0,1 euro) e Danieli Ord (0,15 euro, anche in questo caso non si tratta di un acconto).

Si tratterà perlopiù di acconti visto che la vera stagione dei dividendi di Piazza Affari è tra fine aprile e luglio, quando si concentra la gran parte della distribuzione di parte degli utili agli azionisti delle società quotate del listino milanese. Relativamente a questo periodo, nel 2019, il monte dividendi si è attestato a circa 23 miliardi segnando quindi un aumento del 7% rispetto ai 21,5 miliardi del 2018. Escludendo il dividendo straordinario di Fca, l’assegno più sostanzioso è stato quello di Intesa Sanpaolo che in primavera ha distribuito agli azionisti complessivi 3,45 miliardi di euro seguito da quelli di Eni (che pagherà questa volta il saldo dopo l’acconto di autunno) e Generali, intorno agli 1,4 miliardi.

PER APPROFONDIRE:

Popolare Bari, serve più capitale
La sfida delle Borse nella corsa all’oro del business dei dati
La caduta degli unicorni: in Borsa a prezzi di saldo

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...