Gli altri casi di coronavirus

A Roma guarito il ricercatore tornato da Wuhan e la coppia di cinesi sta meglio

Ad annunciare la guarigione del giovane ricercatore italiano e il miglioramento della coppia di cinesi è stato il bollettino dello Spallanzani di Roma

di Marzio Bartoloni

Coronavirus: 10 consigli degli esperti per cercare di evitare il contagio

Ad annunciare la guarigione del giovane ricercatore italiano e il miglioramento della coppia di cinesi è stato il bollettino dello Spallanzani di Roma


2' di lettura

Se in Lombardia scoppia l’allarme coronavirus da Roma arrivano buone notizie sui tre casi positivi al coronavirus: uno è di fatto guarito, si tratta del il ricercatore italiano tra i 56 connazionali tornati da Wuhan. La coppia di cinesi, sempre di Wuhan, ricoverati ormai da tre settimane e ancora nel reparto di terapia intensiva dell’Istituto Lazzaro Spallanzani di Roma sono invece in miglioramento, in particolare quelle del marito.

La guarigione del ricercatore italiano
Ad annunciare la guarigione del giovane ricercatore italiano di 29 anni di Luizzarra (Reggio Emilia) è stato il bollettino dello Spallanzani di Roma: «Il giovane ricercatore italiano, caso confermato di COVID-19, è ormai risultato persistentemente negativo ai test per la ricerca del nuovo coronavirus». «In questi giorni decideremo - avverte ancora il bollettino - se dobbiamo, come probabile, metterlo in osservazione in un’altra stanza». Il ricercatore era tornato da Wuhan con l’aereo militare a inizio febbraio e insieme agli altri 55 connazionali era stato portato nella struttura militare romana della Cecchignola per la quarantena. Lì era stata scoperta la positività al coronavirus e un leggero «rialzo termico». Da lì la decisione del ricovero allo Spallanzani dove il ricercatore non si è mai aggravato, ma ha avuto sempre sintomi leggeri.

Migliora la coppia di cinesi
Buone notizie anche per la coppia di cittadini cinesi provenienti dalla città di Wuhan, casi confermati di Covid - 19, che continua a essere ricoverata allo Spallanzani e le cui condizioni di salute, al contrario del giovane ricercatore italiano, si sono aggravate dopo i primi giorni di ricovero tanto da far decidere il loro trasferimento in terapia intensiva. « Le condizioni cliniche della coppia - avverte il bollettino dell’ospedale romano specializzato in malattie infettive - sono migliorate, in maniera significativa quelle del maschio». I due coniugi cinesi vengono curati da diversi giorni con una terapia antivirale sperimentale: si tratta del lopinavir/ritonavir, un antivirale comunemente utilizzato per l'infezione da hiv che mostra attività antivirale anche sui coronavirus. Viene poi impiegato il remdesivir, un antivirale già utilizzato per la malattia da virus Ebola, anch’esso potenzialmente attivo contro l'infezione da nuovo coronavirus.

Per approfondire:
- Coronavirus, le regole per prevenire l'infezione
- Coronavirus in Italia, dove sono i Comuni al centro del contagio

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...