Fra fisarmoniche e Buttafuoco, Oltrepò da scoprire a ritmo lento

4/6Idee e Luoghi

A tavola fra salumi, bolliti e agnolotti

Proseguendo verso Sud, sulla provinciale che attraversa lo “Sperone di Stradella” e i vitigni del Buttafuoco, le occasioni per una sosta rifocillante all'insegna del buon cibo certo non mancano. Gli amanti degli insaccati, per esempio, possono fare visita al salumificio Fratelli Daturi, dove assaporare (prima con gli occhi e poi con il palato) le specialità della casa, dalla pancetta al cotechino passando per la spalla cotta. Per pranzo o per cena, c'è solo l'imbarazzo della scelta per il tavolo a cui sedersi fra osterie e ristoranti tradizionali e un menu che propone fra i suoi piatti tipici gli imperdibili “Bata lavar”, i grossi agnolotti di Canneto Pavese (con ripieno a base di brasato, formaggio grana e uova), e i prelibati bolliti di cappone e maiale. Un indirizzo dove assaggiare queste prelibatezze (e riscaldarsi davanti al camino) è il ristorante Prato Gaio nella frazione Versa di Montecalvo Versiggia, mentre chi ama sperimentare con le rivisitazioni delle ricette tradizionali deve sicuramente passare dal ristorante “ad Astra”, nel centro di Santa Maria della Versa

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti