Scuola

A Vicenza nasce l'Its che forma i manager della moda sostenibile

La selezione per il corso biennale fissata al 24 settembre. Tra i partner Marzotto, Otb, Bottega Veneta e Xacus

di Claudio Tucci

2' di lettura

Parte nel vicentino il primo Its in Italia esclusivamente dedicato alla sostenibilità nel settore della moda e che andrà a formare la figura del «Fashion Sustainability Manager»; un profilo molto ricercato dalle aziende della filiera, dal tessile ai brand della moda fino ai produttori di accessori.

In programma anche studio dei materiali e marketing

Il corso è di durata biennale (2mila ore, tra ottobre e maggio, dal lunedì al venerdì in orario pomeridiano) ed è rivolto ad un massimo di 25 studenti - la cui selezione avverrà venerdì 24 settembre - che si alterneranno in attività didattiche in aula e tirocini aziendali (400 ore all'anno). Sono sei le aree di formazione. Si va dalle conoscenze ad ampio spettro (dall'inglese tecnico per la moda all'analisi PEST e dei rischi socio-ambientali, per un totale di 222 ore); al management per la sostenibilità (274 ore); dai principi e metodi per la sostenibilità (264 ore) alla sostenibilità dei materiali (160 ore); dalla sostenibilità dei processi industriali nella filiera (170 ore) fino al marketing e al reporting (110 ore).

Loading...

Fra i partner aziende e marchi simbolo del made in Italy

Le varie tematiche verranno affrontate attraverso lezioni frontali, visite a imprese e laboratori, workshop e seminari. Ogni area sarà animata da un tutor con comprovata esperienza settoriale, a cui spetterà la gestione delle proposte didattiche e i relativi rapporti tra docenti e allievi.Partner dell'Its sono realtà del calibro di OTB (Diesel, Marni, Maison Margiela, Viktor&Rolf, Jil Sander, Staff International, Brave Kid), Bottega Veneta, Xacus e produttori che collaborano con i migliori marchi al mondo come Marzotto group, Lanificio Bottoli, Atelier Stimamiglio, Maglificio Miles, solo per citarne alcuni.

«Le imprese stanno cercando persone appassionate di moda e sostenibilità, ma che siano anche competenti e tecnicamente preparate - ha sottolineato Michele Bocchese, presidente della sezione Moda e Tessile di Confindustria Vicenza -. Questo corso offrirà certamente la chance a tutti i giovani che vi parteciperanno di entrare in un settore meraviglioso». Sulla stessa lunghezza d'onda Sara Mariani, Chief Sustainability Officer del gruppo OTB: «Come OTB - ha spiegato - siamo convinti che continuare a formare i giovani talenti nelle professioni del futuro sia un aspetto fondamentale per lo sviluppo e la sostenibilità del nostro settore».

I corsi proseguiranno anche in azienda

Parte dei corsi, oltre che nel locale istituto tecnico industriale «Marzotto-Luzzatti» (comune di Valdagno) si svolgeranno nella sede storica di una delle aziende tessili più importanti d'Europa: Marzotto Group, realtà nata nel 1836 e che attualmente occupa oltre 3.600 persone in 10 stabilimenti produttivi in Italia e 5 all'estero.«Evolvere la gestione di un'azienda per renderla più sostenibile significa imporre cambiamenti radicali che hanno impatto, in modo trasversale, su tutte le realtà della filiera manifatturiera, e richiede un profondo e repentino cambio di mentalità delle persone che vi lavorano - ha spiegato Davide Favrin, ad Gruppo Marzotto -. In Italia, oggi, c'è ancora un gap tra le competenze tecniche. Gli Its, che permettono di aprire le porte delle diverse realtà aziendali ai giovani studenti, rappresentano il modo più efficace per formare innovative figure professionali di alta qualità».

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti