innovazione

Abbigliamento, per il distretto di Carpi il salone Moda Makers diventa digitale

Grazie a una piattaforma web dal 18 giugno fino a novembre le piccole e medie imprese del cluster emiliano potranno incontrare buyer di tutto il mondo

di Natascia Ronchetti

default onloading pic
(alexandre zveiger - stock.adobe.com)

Grazie a una piattaforma web dal 18 giugno fino a novembre le piccole e medie imprese del cluster emiliano potranno incontrare buyer di tutto il mondo


2' di lettura

Nulla era scontato. Né l'adesione delle aziende né la possibilità di realizzare una piattaforma web ad hoc, accessibile da ogni parte del mondo, in soli due mesi. Alla fine Moda Makers in versione digitale ha convinto tutti e il salone internazionale delle piccole e medie imprese del distretto del tessile abbigliamento di Carpi si è trasferito online. Dal prossimo 18 giugno fine a novembre le 36 aziende partecipanti potranno mostrare le collezioni della primavera/estate 2021 e organizzare incontri B2B con i buyer di tutto il mondo e non solo con quelli che tradizionalmente visitano da anni la manifestazione, provenienti principalmente da Europa, Giappone, Stati Uniti.

Una filiera da 1,4 miliardi

Una innovazione per un distretto che schiera oltre 780 imprese, delle quali 540 attive nella filiera della subfornitura. E che da tempo, con un volume d'affari che si aggira intorno a 1,4 miliardi, cerca di sganciarsi sempre di più dal mercato domestico rinforzando il presidio degli sbocchi commerciali all'estero. «Le nostre imprese – dice Stefania Gasparini, vice sindaco e assessore all'Economia di Carpi - sono abituate a muoversi oltreconfine e certamente uno degli obiettivi dell'edizione digitale della manifestazione, per bypassare il blocco degli spostamenti a livello mondiale causato dall'emergenza sanitaria, è quello di ampliare i mercati di riferimento».

Come funziona una fiera sul web

Tutto si deve allo sforzo organizzativo degli enti promotori, Consorzio Expo Modena e Carpi Fashion System, promosso da Cna, Confartigianato, Confindustria Emilia, Comune di Carpi e Camera di commercio di Modena, con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi. «Invece di annullare completamente l'iniziativa – prosegue Gasparini – rinviando tutto direttamente alla prossima edizione, ci siamo messi al lavoro per proporre una soluzione alternativa, che tenesse insieme le limitazioni imposte dall'epidemia di Covid-19 con l'esigenza delle imprese di non rinunciare a una vetrina importante».

Per cinque mesi quindi le aziende potranno incontrare online i buyer e ricevere ordini. La piattaforma di Moda Makers Digital prevede diversi livelli di visibilità: saranno le stesse aziende espositrici a decidere cosa mostrare al visitatore. Il portale inoltre è concepito in modo da agevolare il rapporto diretto tra espositore e compratore, che dopo un primo contatto potranno proseguire senza intermediari.

Prevista anche la verifica dei profili dei buyer, per garantire che rappresentino imprese del settore della moda, tra grossisti e catene di negozi di abbigliamento.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti