Alta formazione

Accenture, A Napoli conclusa la seconda edizione della Cyber HackAdemy

Trenta i giovani formati nell’Academy promossa con la Università Federico II

di Vera Viola

2' di lettura

Si è conclusa la seconda edizione della Accenture Cyber HackAdemy, il percorso di formazione nato da una collaborazione tra Accenture e l’Università di Napoli Federico II, con il supporto di Palo Alto Networks e Microsoft Italia. Da maggio a dicembre 2021, il corso ha formato 30 giovani studenti su strumenti, tecnologie e competenze specialistiche legate al tema della cybersecurity.

Durante la cerimonia di chiusura – a cui hanno partecipato l'assessore alla Ricerca della Regione Campania Valeria Fascione, il sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi, il rettore dell'Università di Napoli Federico II, Matteo Lorito e il presidente di Accenture Italia, Fabio Benasso – sono stati anche presentati i risultati delle attività di “project work” svolte dai ragazzi durante il semestre e sono stati consegnati i diplomi.

Loading...

Sfide e stage. Prevista una dozzina di assunzioni

I partecipanti al corso, con un'età media di 25 anni ed una formazione principalmente STEM (Science, Technology, Engineering e Mathematics) ma non solo, hanno seguito le lezioni gratuite da remoto e in presenza presso il polo tecnologico di San Giovanni a Teduccio.L'approccio didattico di tipo pratico ha consentito ai 30 partecipanti di mettere alla prova le proprie capacità attraverso una serie di sfide dalla crescente complessità (CBL - Challenge Based Learning), unite ad apprendimento autonomo e didattica basata sul lavoro di gruppo.Per coloro che si sono distinti all'interno del percorso didattico, Accenture metterà a disposizione un periodo di stage formativo della durata di 6 mesi presso una delle sedi italiane e un contratto di assunzione sulla base dei risultati conseguiti. Ciò è di fatto già avvenuto per 12 dei ragazzi che hanno partecipato alla prima edizione e che oggi lavorano al fianco degli esperti Accenture su diversi progetti.

Benasso: formare le competenze che il mercato richiede

Fabio Benasso, presidente di Accenture Italia, ha commentato: «Oggi più che mai per superare il mismatch tra domanda e offerta di lavoro, è fondamentale investire nella formazione del capitale umano per sviluppare quel set di nuove competenze che il mercato richiede. In questo scenario crediamo che alimentare un dialogo costante con i principali attori dell'ecosistema, rappresentato qui oggi dall'Università Federico II, e sviluppare percorsi formativi ad hoc come la CyberHackAdemy, sia la chiave per creare una generazione di professionisti in grado di padroneggiare con successo l'innovazione che sta rivoluzionando anche il mondo del lavoro. Napoli rappresenta per noi una realtà di successo su cui abbiamo deciso di investire già 20 anni fa: nel nostro Paese sono tanti i poli di eccellenza come quello in cui ci troviamo oggi e crediamo sia responsabilità di un leader come Accenture sostenerli concretamente affinché liberino tutto il loro potenziale e diano vita a modelli virtuosi scalabili su tutto il territorio nazionale».

Lorito: investimenti in formazione ben ripagati

Matteo Lorito, rettore dell'Università di Federico II di Napoli, ha commentato: “La replica del successo della Cyber HackAdemy, dopo i lusinghieri risultati dello scorso anno, non fa altro che confermare che gli investimenti in formazione nel contesto della sicurezza informatica vengono ripagati con la immissione sul mercato del lavoro di figure professionali di primissimo livello».

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti