Il collegio di gentiloni

Accordo nel centrosinistra: Gualtieri candidato a suppletive di Roma. Maurizio Leo per il centrodestra

Trovato l’accordo fra Pd, Italia Viva, Si, Psi, Art. 1. Sarà lui a candidarsi nel collegio già vinto da Paolo Gentiloni.  No a Cuperlo

di Sara Monaci


default onloading pic
Il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri (Ansa)

2' di lettura

Sarà Roberto Gualtieri il candidato unitario del centrosinistra alle suppletive del collegio Roma 1 della Camera, in programma il primo marzo. Le forze politiche hanno chiesto al ministro dell’Economia la disponibilità per la candidatura, verificato che intorno a lui si è ricostruita «una vera e larga maggioranza». Prevale così, viene spiegato da fonti di centrosinistra, «l’unità di tutta la coalizione che sostiene il governo (Pd, Italia viva, Si, Psi, Art. 1) nel sostegno a Roberto Gualtieri», che ha accettato la sfida dicendo sì alla proposta.

«Roberto Gualtieri è la scelta più autorevole, unitaria e di apertura che il Pd e le altre forze di centrosinistra potessero mettere in campo per il collegio di Roma. Grazie a Gualtieri». Lo scrive su Twitter Dario Franceschini, capo delegazione Pd al governo.

Per il collegio di Roma 1 (e parte di Roma 2) il Partito democratico e Italia Viva hanno dibattuto per settimane. Dietro le quinte, il candidato su cui i democratici avrebbero puntato era Gianni Cuperlo, rappresentante dell’ala di sinistra del Pd, “antico” sfidante di Matteo Renzi alle primarie per la leadership del partito e oggi presidente della nuova Fondazione del Pd.

Ma evidentemente un nome come Cuperlo non poteva trovare il consenso di Italia Viva, e nemmeno troppo di Azione, il movimento di Carlo Calenda. Il nome tirato in ballo a questo punto, per scompaginare, è stato quello della giornalista di Repubblica Federica Angeli (che comunque non aveva sciolto le sue riserve).

Dopo un tira e molla (secondo rumors gestito da Dario Franceschini) era necessario trovare un punto di intesa. E così che nasce la candidatura del ministro all’Economica Gualtieri, che ha avuto il pregio di mettere d’accordo tutti e, nell’ottica dei “renziani”, di impedire l’arrivo di Cuperlo. Un gioco di equilibri politici dunque.

Intanto anche il centrodestra e il Movimento 5 Stelle stanno cercando il candidato. Per la coalizione di Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia il nome prescelto è quello di Maurizio Leo, vicino a Fratelli d’Italia.

Il collegio Roma 1 è tradizionalmente di centrosinistra, ed infatti è stato lasciato vuoto da Paolo Gentiloni, chiamato a fare il commissario in Europa. Ma è anche vero che alla fine degli anni Novanta qui vinse Silvio Berlusconi contro Luigi Spaventa.

Per Gualtieri si tratterà di una campagna lampo: un mese di contatti con la gente le posto, ma con la serenità di chi sa di avere dietro alle spalle una coalizione unita.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...