ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùFiere

Accordo Cersaie-Ice per favorire l’arrivo di buyer esteri al Salone di Bologna

Il governo ha stanziato 1,2 milioni di euro per le attività di promozione all’estero della manifestazione e l’incoming di operatori

(IMAGOECONOMICA)

2' di lettura

Accordo tra Ministero degli Affari esteri, Ice e Confindustria ceramica per favorire l’arrivo di operatori selezionati dall’estero al prossimo Cersaie, il Salone internazionale della ceramica in programma a Bologna dal 27 settembre al 1° ottobre. L’intesa prevede il finanziamento di 1,2 milioni di euro complessivi a sostegno delle iniziative promozione e incoming della fiera.

Prosegue dunque l’impegno dell’Ice – l’Agenzia governativa per l’internazionalizzazione e la promozione all’estero delle imprese italiane – a sostegno delle manifestazioni fieristiche che, pronte a riaprire il prossimo 15 giugno, si troveranno ad affrontare l’incognita della presenza di visitatori stranieri, in particolare dai Paesi extra-Ue.

Loading...

Tra queste il Cersaie, che rappresenta un importante settore del made in Italy, che esporta oltre l’80% della produzione e che per questo ha tradizionalmente una nutrita presenza di visitatori professionali in arrivo dall’estero. La manifestazione, spiegano gli organizzatori, ha già collocato il 95% degli spazi complessivi , a oggi, il 40% degli espositori arriva dall’estero, ulteriore conferma della dimensione internazionale della manifestazione e delle opportunità e ricadute anche economiche sul territorio.

La quota più rilevante delle risorse messe a disposizione dal governo sarà destinata all’incoming di buyer da Germania, Francia, Regno Unito, Nord America e Paesi del Golfo. Saranno infatti 170 – numero superiore rispetto alle edizioni precedenti – gli architetti, i distributori e i giornalisti ospitati in occasione del Salone internazionale della ceramica per l’architettura e dell’arredobagno 2021. Tra questi, Cersaie ospita per la prima volta anche un gruppo di operatori selezionati del Contract e del Real Estate, settori centrali nel mondo delle costruzioni che, da questa edizione, troveranno uno spazio fisico dedicato all’interno della «Contract Hall».

La convenzione prevede il sostegno ad Archincont(r)act, l’area che ospiterà dieci studi di architettura internazionali, ma anche la realizzazione degli spazi di «Costruire Abitare Pensare», il programma culturale di Cersaie, e le campagne promozionali sui principali mercati esteri.

«Da tempo Ice supporta il Cersaie e il settore della ceramica che, grazie alla combinazione di design e tecnologia, ben rappresenta nel mondo il Made in Italy – afferma il presidente dell’Agenzia, Carlo Ferro –. In Italia, le iniziative fieristiche in presenza ripartiranno in sicurezza da metà giugno. Vogliamo massimizzarne i risultati per gli espositori e gli organizzatori col supporto del sistema Paese. Ci impegniamo su questo fronte anche attraverso la promozione della sicurezza delle fiere in Italia e, nello specifico di BolognaFiere, attraverso l’incoming di operatori e influencer dall’estero».

L’accordo con Maeci e Ice si inserisce nel solco di una pluriennale collaborazione a sostegno delle iniziative di Cersaie in Italia e all’estero, h aggiunto Emilio Mussini, vice-presidente di Confindustria Ceramica: «Tornare a organizzare un evento fisico della portata di Cersaie, riportando i clienti a vivere direttamente le innovazioni del made in Italy, è fondamentale per la competitività internazionale delle nostre aziende – osserva Mussini –. Così come lo è per la ripartenza di tante aziende dei nostri territori che in termini di servizi, ricezione e ospitalità rendono possibile lo svolgimento della fiera».


Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti