web

Acquisti impulsivi? Ecco come funzionano i servizi per tracciare i prezzi online

di Biagio Simonetta

3' di lettura

Quante volte, entrando in un negozio durante il periodo dei saldi, avete avuto l'impressione che il prezzo originario di un articolo sia stato alzato prima di applicare lo sconto? E che si tratti di commerciante in malafede o di semplice disattenzione del consumatore, il dubbio resta. In Rete il problema è risolto da alcuni software che stanno cambiando il percorso dell'eCommerce. Algoritmi grazie ai quali è possibile tenere traccia storica dei prezzi di un prodotto, seguirne le oscillazioni e affondare il colpo (cioè l'acquisto) al momento più opportuno, ovvero quando il prezzo è ai minimi storici. Ma andiamo con ordine.

Comparatori e price tracking
Nel processo di disintermediazione tipico di Internet, l'eCommerce recita da sempre un ruolo da protagonista. I numeri sono in crescita, anno su anno, con fatturati sempre più floridi. Durante l'ultimo “black friday”, il venerdì nero degli sconti, le cifre sono state da capogiro: transazioni per oltre 3 miliardi di dollari, solo online, negli Stati Uniti. Il lunedì successivo, il “cyber monday”, la cifra è stata addirittura superiore. Segno che il commercio online sta diventando abitudine. E con questo, l'utilizzo di due strumenti indispensabili: i comparatori e i price trackers. I primi li conosciamo da tempo, con l'italianissimo trovaprezzi.it (di proprietà dell'azienda pavese 7Pixel) che macina qualcosa come 70milioni di pagine visualizzate al mese. I price trackers, invece, sono meno conosciuti, ma stanno prendendo piede negli ultimi tempi. E a giudicare dal primo impatto, hanno potenzialità differenti.

Loading...

Come funzionano
Il price tracker per eccellenza si chiama Camel Camel Camel, ma ne esistono ormai a decine che fanno più o meno la stessa cosa, e cioè tengono d'occhio l'andamento del prezzo di un articolo. Basta inserire in un tool il link del prodotto trovato su Amazon per verificarne convenienza e oscillazioni del costo. E diventando follower di un bot su Twitter, si riceve un messaggio diretto nel momento in cui il prezzo prodotto scelto scende sotto una soglia impostata in precedenza. Esistono estensioni per il browser, app per smartphone e pagine dedicate con i prodotti che hanno subito i maggiori ribassi nelle ultime ore.

Funzionano, ma con dei limiti
Per capire l'impatto che comparatori e price trackers possono avere sul mercato dell'eCommerce, abbiamo chiesto una mano a Valentin Pontiggia, dell'Osservatorio eCommerce B2C del Politecnico di Milano. «Anche se diversi operatori stanno lavorando sui differenziali di servizio, - ha detto la Pontiggia a Nova - nell'eCommerce il prezzo è ancora la leva di marketing più decisiva. Ne consegue che i comparatori di prezzo e i price trackers, giochino un ruolo rilevante, soprattutto in quei settori merceologici in cui i beni sono facilmente comparabili (penso a settori come assicurazioni, Informatica ed Elettronica di Consumo, biglietteria aerea, …)». Secondo la ricercatrice dell'Osservatorio milanese, per i consumatori, comparatori e tracciatori di prezzo hanno un duplice beneficio «fanno risparmiare tempo, consentendo l'accesso a un'offerta ampia di più siti contemporaneamente, e denaro, ordinando le diverse offerte per prezzo. Per contro un limite di questi strumenti è la difficoltà ad effettuare confronti su altri fattori importanti per un acquisto online, come il livello di servizio (tempo di consegna) o la presenza di servizi addizionali e a valore aggiunto (installazione, ecc)». Insomma: comparare il prezzo è una cosa, individuare i livelli migliori dei servizi annessi alla vendita è un'altra. E qui ancora siamo carenti.

Amazon padrone
In questo mix di strumenti che hanno l'unico obiettivo di trovare il prezzo giusto, il vero dato è un altro. A giudicare dai price trackers disponibili online appare ormai evidente che il mercato dell'eCommerce stia correndo veloce verso un sistema di monopolio abbastanza palese. Amazon sta cannibalizzando non solo il mercato fisico, ma anche i competitors online. E lo sta facendo grazie a una logistica imponente e ad una politica sui prezzi con pochi rivali. Strumenti come Prime, che abbattono le spese di spedizione, sono un'intuizione vincente. Non è un caso che Camel Camel Camel e altri strumenti simili siano nati per tracciare i prezzi dei prodotti presenti sul marketplace di Jeff Bezos. Amazon sta rendendo celebri i portali di price tracking, mentre questi stanno rendendo ancora più ricco Amazon. Un bel giochino, insomma.

Articolo pubblicato su Nova24 del 9 febbraio 2017

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti