media

Acquisti su Mediaset, stretta con Sky su Premium

di Chiara Di Cristofaro

(FOTOGRAMMA)

2' di lettura

Mediaset in luce a Piazza Affari sulle anticipazioni del Sole 24 Ore secondo cui le trattative con Sky per la vendita di Premium sarebbero a un punto di svolta. Per gli analisti l'ipotesi di vendita di Premium a Sky riaccende l'appeal speculativo sul titolo Mediaset, sia per gli immediati benefici in termini finanziari che la vendita porterebbe sia per le possibili contromosse di Vivendi. Anche se l'operazione presenta rischi elevati in termini di Antitrust. Il titolo ha chiuso con un rialzo del 2,33% a 3,49 euro a fronte di un indice Ftse mib in calo dello 0,42%.

Secondo il Sole, Mediaset starebbe trattando con Sky per la cessione di Premium. In passato lo scoglio principale era stato il prezzo, mentre ora pare che le parti siano molto vicine. Un’intesa potrebbe essere trovata in tempi stretti, anche per anticipare un’eventuale Offerta pubblica di acquisto di Vivendi su Mediaset che farebbe scattare la passivity rule (divieto di operazioni “difensive” senza aver ottenuto preventivamente il via libera degli azionisti). Anche la richiesta di ingresso di Vivendi nel board di Mediaset, secondo alcune interpretazioni, potrebbe limitare l’operatività della società target nel periodo compreso tra la data dell’annuncio della convocazione e quella fissata per l’assemblea dei soci. Va ricordato che l'Agcom deciderà entro il 21 aprile sulla quota di Vivendi e, secondo gli analisti di Equita, «sembra improbabile che consenta alla società francese di mantenere sia il controllo di Telecom che la quota di minoranza di blocco in Mediaset». Un eventuale accordo con Sky, sottolinea Equita, potrebbero far scattare un'indagine Antitrust perché Sky avrebbe i diritti del calcio per tutte le piattaforme, ma la soluzione potrebbe essere come in passato (acquisto di Tele+) la rivendita all'ingrosso dei diritti. «Il possibile accordo con Sky e la decisione di Agcom entro aprile - concludono gli esperti di Equita - riteniamo porterà il mercato a focalizzarsi su cosa farà Vivendi e se tenterà di trovare un accordo con Fininvest/Mediaset».

Loading...

Gli analisti di Icbpi commentano che le indiscrezioni potrebbero riaccendere l’appeal speculativo di Mediaset per gli importanti benefici derivanti da un’immediata cessione di Premium, «che darebbe immediata visibilità su una fetta importante del recupero di redditività previsto dal piano industriale 2017-2020 (200 mln di euro su 468 mln a livello di Ebit)». Il riferimento più recente sulla valutazione di Premium è rappresentato dall’Enterprise Value di circa 620 mln che Vivendi aveva riconosciuto a Mediaset nell’accordo siglato lo scorso aprile. «I risultati recenti della Pay Tv, penalizzata anche dalla contesa con Vivendi e dagli effetti dell’interim management - sottolinea Icbpi - potrebbero però impattare negativamente sul prezzo. Nell’ottica di Sky va considerato l’importante vantaggio di rilevare il principale concorrente a cui però sono evidentemente collegati degli elevati rischi Antitrust sull’esito dell’operazione». Gli analisti di Akros sarebbero soddisfatti con una valutazione superiore ai 300 mln.

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus)

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti