TEST DRIVE

Across: ecco com’è e come va la prima ibrida plug-In targata Suzuki (made in Toyota)

Suzuki entra nel mondo delle vetture ibride plug-In con un modello a ruote alte, gemella della Rav4 Toyota che offre una potenza di 306 cavalli e trazione integrale. I prezzi di listino partono da circa 58mila euro

di Giulia Paganoni

default onloading pic

Suzuki entra nel mondo delle vetture ibride plug-In con un modello a ruote alte, gemella della Rav4 Toyota che offre una potenza di 306 cavalli e trazione integrale. I prezzi di listino partono da circa 58mila euro


4' di lettura

 Suzuki entra nel mondo delle ibride plug-in con Across, il nuovo suv robusto e sportivo, dotato di un sofisticato sistema di ricarica alla spina e di trazione integrale. La vettura è sostanzialmente identica alla Toyota Rav4, eccetto che per alcuni particolari di stile presenti sul frontale.  Infatti, questo è il primo modello fornito da Toyota nell’ambito dell’accordo di collaborazione tra le due case nato nel 2017 e che ha già dato vita alla fornitura incrociata di modelli destinati a importanti mercati in diverse aree geografiche, come la Swace, gemella poco diversa della Toyota Corolla. Ricordiamo che al momento non è ancora disponibile la versione ibrida plug-in della gemella Rav4 ma che a inizio anno è stato annunciato l’arrivo nell’arco dei dodici mesi. 

 Across: la ricetta Suzuki/Toyota

Caratterizzata da un design sportivo e di carattere, Across Plug-In presenta linee poligonali robuste su tutta la superficie, che delineano un profilo forte e deciso e una bella presenza su strada. 

Le dimensioni sono generose e la posizionano all’interno del segmento dei D suv: lunga 4.635 mm, larga 1.855 mm, e con una passo di 2.690 mm. La capacità del bagagliaio è di 490 litri. 

L’ampia griglia del frontale dona un tocco di sportività e il paraurti con Skid plate silver nella parte inferiore contribuiscono a definire l’imponente e inconfondibile frontale della vettura. Sul laterale spiccano i passaruota squadrati, molto simili alla gemella Rav4. Sono sei i colori della carrozzeria, tutti metallizzati e con tetto e specchietti a contrasto. 

L’ambiente interno è ben curato e riprende le linee squadrate degli esterni. Molto evidenti sono le manopole per la gestione del clima bi-zona. I sedili dal taglio sportivo si abbinano perfettamente al carattere dinamico del veicolo sono riscaldabili sia quelli anteriori che quelli posteriori. Il sistema di infotainment è centrato attorno allo schermo touch da 9 pollici posizionato al centro della plancia e dotato dei protocolli Android Auto e Apple Car Play. 

 Il primo modello Plug-in della gamma Suzuki

L’ibrido alla spina del marchio di Hamamatsu si caratterizza per la presenza di due motori elettrici: il primo, sull’asse anteriore, sviluppa una potenza massima di 134 kW (182 cavalli) mentre il secondo, posizionato sull’asse posteriore, è in grado di erogare 40 kW (54 cavalli). Questi sono alimentati da un pacco batterie da 18,1 kWh (riscaldate e raffreddate per mantenere il massimo delle performance) che garantisce un’autonomia in modalità 100% elettrica di 98 km in città e 75 km nel ciclo combinato secondo l’omologazione Wltp. I tempi di ricarica dipendono dalla fonte energetica: con una presa domestica impiegano circa 7.5/9 ore mentre con una Wallbox 5 ore. 

È poi presente un terzo motogeneratore, che svolge le funzioni di ISG (Integrated Starter Generator), dunque un alternatore, motorino di avviamento e, in caso di necessità, unità di supporto aggiuntivo per la trazione. 

Il motore termico è un benzina 4 cilindri 2.5 litri a ciclo Atkinson che eroga una potenza di 133 kW (180 cavalli). 

Le performance complessive del veicolo attestano 306 cv e uno scatto 0-100 km/h in 6 secondi.

Trazione integrale basata sul motore elettrico posteriore  

Across Plug-in adotta un sistema di trazione integrale basato sul motore elettrico posteriore da 54 cavalli. Questo significa che, diversamente da altri competitor 4x4, è in grado di fornire trazione integrale senza mai attivare il motore termico.

La ripartizione della coppia è gestita automaticamente e può variare da un 100% anteriore ad un 20% anteriore e 80% posteriore. Nel caso in cui il livello di carica si abbassasse eccessivamente, il motore termico è in grado di intervenire per ricaricare la batteria e garantire così la trazione 4x4. Sono quattro le modalità di guida: eco, normal, sport e trail, quest’ultima è la denominazione del sistema di controllo del differenziale a slittamento limitato che assicura il miglior grip su superfici scivolose. Il sistema funziona applicando forza frenante alle ruote che iniziano a perdere aderenza, redistribuendo coppia alle ruote in presa. Il sistema adegua sia l’erogazione di potenza che i punti di cambiata della trasmissione automatica per mantenere la motricità. 

 Com’è alla guida 

Abbiamo provato Across Plug-in lungo un percorso misto che ci ha permesso di testare le sue doti da fuoristrada ma anche le performance date dal potente motore da 306 cv. Ciò che più ha colpito è l’output che questo modello è in grado di erogare, difficile trovare dei suv di due tonnellate di peso che riescano ad avere un spunto del genere. Sicuramente il connubio elettrico/benzina dà i suoi risultati con un’accelerazione rapida e lineare oltre a consumi contenuti. Inoltre, le quattro possibilità di utilizzo della carica della batteria (elettrica, ibrida, auto e recharge) permettono di gestire al meglio l’energia. Data la mole, unita all’altezza da terra, alla guida si sente un po' di rollio

Nel complesso si tratta di un’auto piacevole da guidare e confortevole

È disponibile un’unica versione il cui prezzo di listino è quasi 59mila euro. Fino al 31 ottobre è possibile comprare solo online la Yoru Web Edition, un’edizione speciale disponibile in 12 esemplari al prezzo di quasi 48mila euro. 

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti