cinema

Addio Anna Karina, icona della Nouvelle Vague

A 79 anni si è spenta la musa di Jean-Luc Godard, regista con cui è stata sposata per sette anni e con cui ha realizzato diversi film memorabili

di Andrea Chimento

Addio ad Anna Karina

3' di lettura

Si è spenta all'età di 79 anni Anna Karina, vera e propria icona della Nouvelle Vague francese e musa del regista Jean-Luc Godard, con cui è stata sposata per sette anni, dal 1961 al 1968.

Nata in Danimarca nel 1940 con il nome di Hanna Karin Blarke Bayer, che cambiò poco dopo essersi trasferita a Parigi nel 1958.
Iniziò la sua carriera come attrice e modella, lavorando anche per alcuni spot pubblicitari, prima di venire notata da Jen-Luc Godard, al tempo critico cinematografico dei Cahiers du Cinéma, che stava preparando il suo esordio dietro la macchina da presa con il capolavoro «Fino all'ultimo respiro».

Loading...

Anna Karina accettò di prendere parte al secondo film del regista, «Le petit soldat», realizzato nel 1960 ma che uscì nelle sale soltanto tre anni più tardi per problemi legati alla censura.
La prima volta che l'attrice raggiunse la notorietà fu così con «La donna è donna» del 1961, un altro film del marito Godard, che la portò a vincere l'Orso d'argento per la miglior interpretazione femminile al Festival di Berlino.

Morta Anna Karina, l'attrice preferita di Godard

Morta Anna Karina, l'attrice preferita di Godard

Photogallery7 foto

Visualizza

In questo film regala dei memorabili “sguardi in macchina” con cui si rivolge direttamente agli spettatori e dimostra anche un notevole talento come cantante (da segnalare che interpretò due grandi successi francesi dell'epoca, «Roller Girl» e «Sous le soleil exactement», entrambi dalla commedia musicale «Anna» di Serge Gainsbourg).

Nel 1962, oltre ad apparire in diverse pellicole di altri registi (tra cui nella bellissima «Cléo dalle 5 alle 7» di Agnès Varda), recita nel ruolo che la consegnerà alla storia del cinema: in «Questa è la mia vita» di Godard, nei panni della giovane prostituta Nana, regala una delle prove più intense e sofferte del cinema francese dell'intero decennio.

Nella prima metà degli anni Sessanta la ricordiamo anche ne «Il piacere e l'amore» di Roger Vadim e ne «Le soldatesse» di Valerio Zurlini, ma sarà ancora una volta il marito a valorizzarne il talento e la bellezza in «Bande à part», «Agente Lemmy Caution: Missione Alphaville» e nell'immortale «Il bandito delle 11», in cui recita accanto a Jean-Paul Belmondo.

Nel 1966, oltre a lavorare ancora con Godard per «Una storia americana», offre un'altra delle sue interpretazioni più significative (probabilmente la migliore, al di fuori dei film diretti dal marito) in «Suzanne Simonin, la religiosa» di Jacques Rivette, altro nome fondamentale della Nouvelle Vague.

L'anno seguente, oltre alla fine del suo matrimonio, segna anche l'ultima collaborazione con Godard, nel cortometraggio «L'amore nel 2000» all'interno del film a episodi «L'amore attraverso i secoli».
Nel 1967 è inoltre ne «Lo straniero» di Luchino Visconti, mentre due anni dopo troviamo il suo nome in diversi lungometraggi di autori importanti: da «Rapporto a quattro» di George Cukor a «Prima che venga l'inverno» di J. Lee Thompson, passando per «In fondo al buio» di Tony Richardson e «La spietata legge del ribelle» di Volker Schlöndorff.

Negli anni Settanta il suo nome perde d'importanza e le interpretazioni sono decisamente inferiori rispetto al decennio precedente: va comunque menzionata la sua partecipazione in «Pane e cioccolata» di Franco Brusati, ne «L'invenzione di Morel» di Emidio Greco e in «Roulette cinese» di Rainer Werner Fassbinder.

Dagli anni Ottanta in avanti Anna Karina diventa un volto che si vede sempre più raramente, anche se va ricordata nel 1988 la nomination ai César come miglior attrice non protagonista per «Cayenne Palace» e la partecipazione a «The Truth About Charlie» di Jonathan Demme nel 2002.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti