TRASPORTO AEREO

Aerei e coronavirus, uno «scudo» di plastica per separare i passeggeri

La proposta dell’italiana AvioInteriors per garantire il massimo isolamento possibile tra i passeggeri che siedono sulla stessa poltrona in classe economy

default onloading pic

La proposta dell’italiana AvioInteriors per garantire il massimo isolamento possibile tra i passeggeri che siedono sulla stessa poltrona in classe economy


1' di lettura

Una delle maggiori sfide che le compagnie aeree devono affrontare oggi è come tornare in volo senza infrangere le regole del distanziamento sociale. Alcuni stanno prendendo in considerazione l'idea di bloccare i posti medi nel tentativo di allontanare i passeggeri, mentre altri stanno testando tutti i passeggeri per COVID-19 prima di consentire loro di salire a bordo.

Nessuna di queste soluzioni è priva di inconvenienti. Il blocco dei posti medi ridurrebbe le entrate delle compagnie aeree di un terzo, una conseguenza delle quali probabilmente porterà ad un aumento delle tariffe. Emirates Airlines, la compagnia aerea di Dubai è la prima ad essere venuta allo scoperto proponendo il tampone per tutti i passeggeri che salgono a bordo.

Coronavirus, potremmo volare così

Coronavirus, potremmo volare così

Photogallery6 foto

Visualizza

La società italiana AvioInteriors, invece, propone queste soluzioni per i sedili a bordo per il massimo isolamento possibile tra i passeggeri che siedono sulla stessa poltrona in classe economy, là dove si verifica la condizione di maggiore densità.

Il suo nuovo prodotto Glassafe è progettato per proteggere i passeggeri dai loro vicini e quelli che passano nei corridoi avvolgendo ognuno in uno scudo di plastica. Janus, invece, evita di lasciare vuoto il sedile in mezzo ad ogni fila cercando il distanziamento in modo alternativo.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti